Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Musica » A Piacenza Jazz grandi nomi e artisti emergenti
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare




Petition by iPetitions
 

Evento

19/2/2012

A Piacenza Jazz grandi nomi e artisti emergenti

Nona edizione del festival, quindici concerti, con musicisti di fama internazionale e giovani realtà italiane. Tra gli appuntamenti più attesi "Memorie di Adriano”: i successi di Celentano reinterpretati da Peppe Servillo e Javier Girotto

Memorie di Adriano
Memorie di Adriano

 La nona edizione della manifestazione jazzistica emiliana Piacenza Jazz Fest, ideata e organizzata dall’Associazione culturale Piacenza Jazz Club, prenderà il via il 26 febbraio per proseguire fino al 31 marzo e si svolgerà in varie location di Piacenza e di Fiorenzuola D’Arda. Il festival, diretto da Gianni Azzali, è realizzato con il sostegno della Fondazione di Piacenza e Vigevano, della Regione Emilia Romagna, del Comune e della Provincia di Piacenza e col patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

La manifestazione, appuntamento ormai consolidato con il jazz d’autore per gli appassionati, ma anche per gli amanti della buona musica, ospiterà quindici concerti: si esibiranno musicisti di fama internazionale ma non solo: il festival, infatti, ha  un occhio sempre attento anche alle realtà emergenti dei giovani jazzisti italiani. Il programma, come nelle precedenti edizioni, prevede, inoltre, numerosi eventi collaterali allo scopo di diffondere, attraverso tutti i possibili canali, la cultura del jazz; in linea con lo spirito della manifestazione, infatti, gli organizzatori intendono offrire a un pubblico vasto eventi di forte richiamo, avvalendosi dei nomi più prestigiosi del panorama jazzistico contemporaneo, ma anche articolando il festival su diversi livelli: spettacolo, attività formativa, concorsi, coinvolgimento delle realtà culturali e commerciali piacentine.

Due concerti – Danila Satragno Trio “Un lupo in darsena” mercoledì 1° febbraio, presso l’Auditorium della Fondazione di Piacenza e Vigevano e il quintetto di modern swing Sugar Pie & The Candymen, sabato 11 febbraio – costituiscono l’anteprima del festival, che sarà allestito in diverse location messe a disposizione per la manifestazione: a Piacenza, lo spazio “Le Rotative”, il cinema “Iris”, la Chiesa di San Savino e il Teatro “President” e a Fiorenzuola d’Arda, il Teatro “Verdi”.

Il calendario, ricco di appuntamenti, aprirà ufficialmente domenica 26 febbraio alle ore 18.30 nello spazio “Le Rotative” con il progetto "Memorie di Adriano - Canzoni del Clan di Adriano Celentano”: Peppe Servillo (voce), Javier Girotto (sax), Fabrizio Bosso (tromba), Rita Marcotulli (pianoforte), Furio Di Castri (contrabbasso) e Mattia Barbieri (batteria) riproporranno in chiave jazz i grandi successi di Adriano Celentano.

 Tra i principali appuntamenti, giovedì 1° marzo, presso il Cinema “Iris”, la performance multimediale Azzali-Cella-Sereno-Mezzadri “Koyaanisqatsi - Life out of balance”. Sabato 3 marzo, come nelle passate edizioni, il festival farà tappa a Fiorenzuola d’Arda con il concerto “Permutation”: Enrico Pieranunzi New American Trio featuring Scott Colley & Antonio Sanchez.

 Domenica 11 marzo, presso la Chiesa di San Savino, sarà la volta di due dei più prestigiosi musicisti d’oltralpe, Michel Portal e Louis Sclavis. Sabato 17 marzo, al teatro “President”, lo “Speciale Antonello Salis”, con un doppio set del noto fisarmonicista sardo: “Stunt”, in duo con Fabrizio Bosso, e il progetto corale “Giornale di Bordo”, in quartetto con Paolo Angeli, Gavino Murgia e Hamid Drake.

 Infine, il cartellone della rassegna jazzistica itinerante Crossroads presenterà Ray Anderson's Pocket Brass Band, concerto coprodotto con Jazz Network e in programma sabato 24 marzo presso il teatro “President”. Il festival chiuderà i battenti a “Le Rotative”, sabato 31 marzo con il Galà di premiazione e fine festival.

 Tra le iniziative collaterali, sabato 3 marzo presso il “Milestone”, si svolgerà una masterclass pomeridiana libera e gratuita con Antonio Sanchez, batterista del New American Trio; sabato 24 marzo presso la Galleria d’Arte Moderna Giuseppe Ricci Oddi sarà presentato il libro Storia del jazz. Una prospettiva globale di Stefano Zenni; infine la mostra “Fermoimmagine” – allestita in vari punti della città per tutta la durata della manifestazione – offrirà una selezione dei migliori scatti dei fotografi ufficiali della Festival (Angelo Bardini, Roberto Cifarelli, Danilo Codazzi, Paolo Guglielmetti, Fausto Mazza e Marco Rigamonti).

Da non dimenticare, infine, che al Piacenza Jazz sono abbinati due concorsi nazionali – patrocinati dal Mibac – i cui vincitori saranno premiati nella serata conclusiva del Festival: “Chicco Bettinardi” (nona edizione), dedicato ai nuovi talenti del jazz italiano e “Strisce di Jazz” (quinta edizione), per i fumettisti e gli illustratori che si cimentano con i temi del jazz.




Collegamenti

Articoli correlati Metadati correlati In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha