Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Trentino Alto Adige » Armando Testa, creatore di immagini
Esplora

Regioni

Trentino Alto Adige Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

18/7/2017

Armando Testa, creatore di immagini

Il Mart di Rovereto dedica una mostra al grande pubblicitario, nel centenario della nascita, esplorando i suoi riferimenti artistici nei movimenti d’avanguardia del Novecento

Armando Testa, Carmencita e Caballero, 1965, gesso; collezione Gemma De Angelis Testa
Armando Testa, Carmencita e Caballero, 1965, gesso; collezione Gemma De Angelis Testa

Il Mart - Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto, sede di Rovereto, dedica una mostra ad Armando Testa, una delle menti più eclettiche e feconde del panorama creativo italiano, di cui ricorre quest’anno il centenario di nascita (1917-1992). “Tutti gli ‘ismi’ di Armando Testa” è il titolo dell’esposizione, curata da Gianfranco Maraniello con Gemma De Angelis Testa e in programma dal 22 luglio al 15 ottobre.

La rassegna è concepita come un percorso immaginifico alla scoperta dell’universo visivo del grande pubblicitario torinese, maestro nella grafica e nei testi, le cui creazioni si sono imposte per forza comunicativa e spirito giocoso entrando nella memoria collettiva di generazioni. Lungo l’itinerario, scandito da alcune interviste all’autore, sfilano personaggi e immagini divenuti icone della cultura visiva del secondo dopoguerra: Caballero e Carmencita del caffè Paulista, la bionda della birra Peroni, l’elefante Pirelli, le geometrie rosse del vermouth Carpano.

Sono esposti bozzetti, manifesti, spot televisivi, disegni, collage, serigrafie e fotografie, ma anche dipinti e sculture. L’opera di Testa, infatti, attraversa il Novecento in contatto diretto con le energie e le sperimentazioni delle avanguardie storiche; le sue invenzioni rielaborano suggestioni, temi formali, stilemi, tipologie e tecniche dei grandi maestri del XX secolo. L’esposizione esplora proprio questi riferimenti, la costellazione di “ismi” – Futurismo, Astrattismo, Surrealismo – di cui Testa è stato un “traduttore” d’eccezione.




iconaInserisci un nuovo commento




captcha