Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Cultura Scientifica » Astrofili a Bologna, 50 anni di osservazioni
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

2/5/2017

Astrofili a Bologna, 50 anni di osservazioni

Nel capoluogo emiliano, nel Museo del Patrimonio Industriale, una mostra che ripercorre l’evoluzione dell’astronomia amatoriale nel territorio dal 1967

mostra "50 anni di astronomia a Bologna"
mostra "50 anni di astronomia a Bologna"

Il Museo del Patrimonio Industriale di Bologna ospita dal 29 aprile al 28 maggio la mostra “50 anni di astronomia a Bologna”, che ripercorre i progressi dell’osservazione astronomica amatoriale attraverso le testimonianze fotografiche dell’Associazione Astrofili Bolognesi, che cura la rassegna in collaborazione con l’istituzione museale e col supporto di Zanichelli Editore.

Il percorso espositivo si articola in 26 pannelli che scandiscono la storia dell’Associazione, che si è radicata sul territorio facendo rete con i principali istituti di studio e divulgazione delle discipline astronomiche. Si possono ammirare spettacolari immagini di meraviglie del cielo ed eventi astronomici, scatti che documentano, insieme all’apparato descrittivo, l’evoluzione delle tecniche osservative e fotografiche. Accanto alle immagini una serie di strumenti, ancora in uso, appartenenti ad astrofili soci dell’Associazione.

Una piccola sezione storica è dedicata a Guido Horn d’Arturo, primo direttore dell'Osservatorio Astronomico di Bologna, con oggetti che furono di sua proprietà e che sono ora custoditi nel Museo della Specola, parte del Sistema Museale di Ateneo Alma Mater Studiorum Università di Bologna, tra i quali cinque tasselli di uno specchio da lui progettato; una fotocamera portatile Ernemann modello Ermanox della metà degli anni Venti e un globo celeste settecentesco fabbricato da Giovanni Maria Cassini.

L’esposizione è corredata da un programma di sessioni osservative con telescopi, laboratori per ragazzi e incontri di divulgazione e approfondimento tenuti da professionisti ed esperti del settore.





iconaInserisci un nuovo commento




captcha