Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Baselitz, l’incisione capovolta
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

11/9/2017

Baselitz, l’incisione capovolta

In mostra a Carpi, a Palazzo dei Pio, quaranta xilografie dell’artista tedesco

Georg Baselitz, Kopf, 1983, xilografia su pergamena, 36x50,3cm (immagine), 50,4x65cm (foglio); © Musées d'art et d'histoire, Ville de Genève, Cabinet d'arts graphiques; foto: André Longchamp
Georg Baselitz, Kopf, 1983, xilografia su pergamena, 36x50,3cm (immagine), 50,4x65cm (foglio); © Musées d'art et d'histoire, Ville de Genève, Cabinet d'arts graphiques; foto: André Longchamp

Dal 15 settembre al 12 novembre, Carpi (Modena) ospita una personale dell’artista tedesco Georg Baselitz (1938), tra i più importanti, celebrati e influenti a livello internazionale. Ai Musei di Palazzo dei Pio, l’autore presenta quaranta xilografie, donate al Cabinet d’Arts Graphiques di Ginevra, realizzate tra gli anni Ottanta e Novanta del Novecento. L’esposizione, curata da Enzo Di Martino e Manuela Rossi, si tiene in occasione della XVIII Biennale di Xilografia Contemporanea ed è parte del programma del Festivalfilosofia.

Baselitz intrattiene un legame particolare con Carpi: nella collezione di stampe donate al museo ginevrino, infatti, sono presenti due chiaroscuri dell’artista rinascimentale Ugo da Carpi, maestro di questa tecnica, oltre a due esemplari della Sibilla da Raffaello, a una xilografia di Niccolò Vicentino e a un chiaroscuro di Niccolò Boldrini, coevi del maestro di Carpi.

L’opera di Ugo e degli altri incisori del Rinascimento è stata determinate per rendere l’immagine d’arte accessibile a un pubblico più ampio. Per Baselitz la grafica ha un’importanza pari alla produzione pittorica e plastica: «Ho fatto xilografie sempre quando avevo la necessità di presentare in una forma definitiva un quadro, un’idea d’immagine sviluppata da me e manifesta nei quadri», ha dichiarato.

Le opere incise che costituiscono il percorso espositivo si caratterizzano per la costruzione dell’immagine, che viene capovolta: un capovolgimento che punta a innescare un processo intellettuale e spirituale completamente diverso.

Il catalogo è pubblicato da Apm Edizioni.





iconaInserisci un nuovo commento




captcha