Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Speciali » Cento anni fa la Grande Guerra » Cesare Battisti, la storia e il mito
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

5/8/2016

Cesare Battisti, la storia e il mito

Al Castello del Buonconsiglio di Trento una mostra che unisce opere d’arte e testimonianze storiche per un ritratto a tutto tondo di una personalità di grande spessore umano e culturale

la "Fossa dei martiri"
la "Fossa dei martiri"

Fino al 6 novembre il Castello del Buonconsiglio di Trento ospita la mostra “Tempi della storia, tempi dell’arte. Cesare Battisti tra Vienna e Roma”, inaugurata il 12 luglio, centenario della morte del patriota, avvenuta nella cosiddetta Fossa dei Martiri del Castello, e organizzata nell’ambito delle iniziative sulla Prima Guerra Mondiale. L’esposizione, attraverso opere d’arte dell’epoca e testimonianze storiche, intende far luce su un personaggio molto citata ma poco conosciuto al pubblico, una personalità di grande spessore umano e culturale, la cui vita, segnata dalle battaglie politiche, fu ricca di passioni, per la storia, la geografia, la scrittura. La sua vicenda, culminata con l’esecuzione, insieme a Fabio Filzi e Damiano Chiesa, è emblematica delle vicende del Trentino tra Ottocento e Novecento.

Il percorso espositivo – comprendente dipinti, sculture, libri, documenti, fotografie, cartografie, cimeli e installazioni video – inizia con un quadro della situazione del Trentino nel contesto austro-ungarico precedente il 1914, con dipinti di Giovanni Segantini, Eugenio Prati, Bartolomeo Bezzi, Alcide Davide Campestrini, Umberto Moggioli, Franz von Defregger, Albin Egger-Lienz, Guglielmo Ciardi, Felice Carena.

La seconda sezione illustra il crescente impegno di Battisti, rientrato a Trento dopo la laurea a Firenze, nelle questioni sociali, politiche e culturali della sua terra, dalla militanza socialista all’elezione a deputato a Vienna, insieme all’esperienza di geografo sul campo, con innovative ricerche sui laghi del Trentino.

A seguire un segmento sul periodo immediatamente precedente all’entrata in guerra dell’Italia, durante il quale la gente trentina venne coinvolta nell’impegno bellico austro-ungarico, che documenta la partecipazione di Battisti alla campagna interventista nelle città italiane. In esposizione opere di Fortunato Depero, Giacomo Balla, Luigi Bonazza, Kriegsmaler, Alfons Walde, Albin Egger-Lienz, Hans Josef Weber-Tyrol, Hans Bertle. A raccontare gli anni del conflitto sono i dipinti di Achille Beltrame, Lodovico Pogliaghi, Giulio Aristide Sartorio, Ettore Sottssass, Angiolo D’Andrea, Lorenzo Viani, Emilio Mantelli, Pietro Morando.

L’ultima parte è dedicata alla creazione del mito di Battisti, con fondamentali opere che ne costruiscono l’iconografia, come i dipinti di Carlo Carrà e di Carlo Barbieri, eseguiti nel 1934 per l’importante ma ancora poco noto “Concorso della Regina”, le sculture di Arrigo Minerbi e di Adolfo Wildt, i bozzetti per il Monumento alla Vittoria di Bolzano e il Monumento di Cesare Battisti a Trento, affiancati a progetti decorativi per il Castello del Buonconsiglio finora poco se non del tutto sconosciuti.




Collegamenti

Articoli correlati In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha