Condividi
  • Facebook
  • Twitter
6/12/2018

Diritti umani, immagini dall’archivio Onu

A Milano una mostra fotografica ripercorre la storia delle Nazioni Unite e del mondo a 70 anni dalla firma della Dichiarazione Universale

Il 10 dicembre ricorrono i 70 anni della firma alle Nazione Unite della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. In occasione della ricorrenza, la Casa di Vetro di Milano propone la mostra fotografica “Human Rights. La storia dell’Onu (e del mondo) nelle più belle immagini della United Nations Photo Library”, allestita dall’8 dicembre al 22 giugno 2019. L’esposizione, prodotta da Eff&Ci - Facciamo Cose e curata da Alessandro Luigi Perna, fa parte del progetto History & Photography, che ha l’obiettivo di raccontare la storia con la fotografia (e la storia della fotografia) valorizzando e rendendo fruibili al grande pubblico, in particolare ai giovani e agli studenti, gli archivi fotografici italiani e internazionali, pubblici e privati.

L’itinerario espositivo ripercorre l’evoluzione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite dalla sua nascita, nel 1945 a San Francisco con cinquanta Stati aderenti, fino ai giorni nostri attraverso una sessantina di immagini in bianco e nero e a colori conservate nel suo archivio storico fotografico.

Al centro c’è il documento, concepito dopo gli orrori della Seconda Guerra Mondiale, firmato a Parigi tre anni dopo la fondazione: il primo a sancire universalmente (cioè in ogni tempo e luogo) i diritti che spettano all’essere umano come individuo. Le sue origini sono più lontane, in un’elaborazione culturale millenaria, che parte dai primi principi etici classici e arriva fino al Bill of Rights (1689), alla Dichiarazione d’indipendenza statunitense (1776), alla Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino stesa durante la Rivoluzione Francese (1789), ai Quattordici punti programmatici del presidente Usa Woodrow Wilson (1918), alle Quattro libertà di Franklin Delano Roosevelt, altro presidente Usa, inserite nella Carta Atlantica (1941).

La rassegna si sofferma in particolare sulle più importanti missioni civili e militari di cui l’organizzazione internazionale è stata protagonista, evidenziando al tempo stesso i cambiamenti della società contemporanea e della sensibilità verso le grandi questioni, come la povertà e la disuguaglianza, l’istruzione, l’assistenza sanitaria, la diffusione dei diritti umani, le dinamiche demografiche e migratorie, l’emancipazione femminile, l’ambiente, la criminalità e la giustizia, la democrazia.

Per le scuole sono state pensate visite guidate, foto-proiezioni dal vivo e la possibilità di utilizzare in classe per fare lezione le immagini della mostra (anche una volta terminata) tramite un link riservato e una password a tempo. Il 10 dicembre Camera - Centro Italiano per la Fotografia propone alle scuole piemontesi un incontro con foto-proiezione con il curatore Perna.

Ragazzina coreana con il fratello sulle spalle a nord di Seul durante la guerra di Corea, 1951; courtesy: © UN Photo/United States Navy
Ragazzina coreana con il fratello sulle spalle a nord di Seul durante la guerra di Corea, 1951; courtesy: © UN Photo/United States Navy


torna all'inizio del contenuto