Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Doisneau, sublimi imperfezioni
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

21/8/2017

Doisneau, sublimi imperfezioni

A Lucca una mostra dedicata al fotografo francese, “pescatore di immagini” di vita quotidiana sulle strade di Parigi

Robert Doisneau, Il bacio dell'Hotel de Ville, 1950; © Atelier Robert Doisneau
Robert Doisneau, Il bacio dell'Hotel de Ville, 1950; © Atelier Robert Doisneau

È in corso al Lucca Center of Contemporary Art (8 luglio - 12 novembre) la mostra “Robert Doisneau. A l’imparfait de l’objectif”, dedicata al “fotografo di strada” francese (1912-1994), al “pescatore di immagini” della quotidianità, della vita della gente comune. L’esposizione, curata da Maurizio Vanni e organizzata in collaborazione con l’Atelier Robert Doisneau e Mviva, raccoglie ottanta immagini in bianco e nero, una selezione di scatti tra i più celebri, tra i quali Le baiser de l'Hotel de Ville del 1950.

Il percorso espositivo attraversa le strade di Parigi, scena prediletta della sua Comédie humaine, non un fondale, ma una realtà viva sempre in dialogo con le figure che la abitano: il Lungosenna, i bistrot, le periferie... Uomini e donne, anziani, giovani e bambini vengono ripresi nelle azioni ordinarie e senza tempo: camminare, baciarsi, giocare... L’autore, con paziente attesa, cerca di immortalare l’istante scomposto, fortuito, perfetto nella sua imperfezione.

«Ci sono personaggi e luoghi urbani – osserva il curatore – che pur non rispondendo a particolari canoni estetici risultano maieutici e attrattivi. Il loro fascino unico sta, probabilmente, nell’essere imperfetti. Noi ammiriamo il bello, ma ci affezioniamo a qualcosa che ci stordisce per vigore e forza espressiva. Il perfetto si sublima nell'imperfetto perché la nostra attenzione si focalizza sulle emozioni e sulle gestualità. Doisneau ha scoperto il segreto della vita rincorrendo la verità umana nelle sue bellissime difformità e imperfezioni».



Collegamenti

In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha