Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Spettacolo » Festival del Teatro Medievale e Rinascimentale, omaggio a Fo
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

23/8/2017

Festival del Teatro Medievale e Rinascimentale, omaggio a Fo

Ad Anagni la ventiquattresima edizione della rassegna, dedicata al tema della bellezza come necessità umana

Festival del Teatro Medievale e Rinascimentale 2017
Festival del Teatro Medievale e Rinascimentale 2017

Torna ad Anagni (Frosinone), per la ventiquattresima edizione, in programma dal 25 agosto al 3 settembre, il Festival del Teatro Medievale e Rinascimentale. Undici gli appuntamenti in cartellone: spettacoli a ingresso gratuito sui sagrati, nelle chiese, nei palazzi e nei vicoli della Città dei Papi. Tra gli interpreti, affermati ed emergenti, Tullio Solenghi, Mario Pirovano, Edoardo Siravo, Alessandra Fallucchi, Antonio Salines e Nando Citarella.

La manifestazione, sotto la direzione artistica di Giacomo Zito, ha come filo conduttore la bellezza e la necessità umana di riconoscerla: «Ogni opera proposta declinerà questo nucleo tematico in modo originale e peculiare, in alcuni casi raccontando di spinte ideali all’assoluto, altre volte – per contrasto – costringendoci ad aprire gli occhi sulle bruttezze e sulle sofferenze che i tempi della Storia e alcuni esseri umani ci impongono», ha spiegato il direttore artistico.

La rassegna è dedicata al drammaturgo Premio Nobel Dario Fo, recentemente scomparso, con la messa in scena del Mistero buffo (1º settembre) da parte del suo più fedele discepolo, Mario Pirovano (Ctfr, Compagnia Teatrale Fo Rame).

Tra gli altri nomi prestigiosi, Tullio Solenghi, che in Decameron - Un racconto italiano in tempo di peste (26 agosto) offre una personale e sorprendente interpretazione del capolavoro boccaccesco; progetto e regia Sergio Maifredi in collaborazione con Gian Luca Favetto e con la consulenza letteraria di Maurizio Fiorilla; produzione Teatro Pubblico Ligure.

Antonio Salines, invece, si confronta con l’Otello (2 settembre) di William Shakespeare, lettura scenica a cura di Fausto Costantini, allestimento dell’Associazione Club Teatro Musica (con Fausto Costantini, Barbara Bovoli, Sara Adami, Tonino Tosto).

Uno spettacolo di immagine e visione, anch’esso da Shakespeare, è The Tempest (25 agosto), un progetto dell’Accademia Creativa; in scena Luca Sargenti, Davide Marongiu, Andrea Vaccaro, Hicham Oulmane, Simona Torroni, Mara Briziarelli, Helena Currò, Sonia Bozzi.

Su una figura paradigmatica della storia medievale è incentrato Matilde di Canossa - La legge, il cuore, la fede (31 agosto) di Alma Daddario, con Edoardo Siravo e Alessandra Fallucchi; regia di Consuelo Barilari, compagnia Schegge di Mediterraneo.

Dal romanzo di Luigi Malerba Il pataffio (27 agosto) è tratto l’adattamento teatrale di Simone Ruggiero per l’Associazione Culturale Drakkar (con Sebastian Gimelli Morosini, Chiara Bonome, Federico De Luca, Chiara David, Ilario Crudetti, Andrea Carpiceci, Emiliano Pandolfi, Ezio Passacantilli), nell’ambito del Cantiere Giovani - Segnali dal territorio.

Al Cantiere Giovani si devono anche altre due riletture della tragedia shakespeariana del principe di Danimarca: quella di Kira Ialongo Just the Worst Time of the Year for a Revolution (30 agosto), con il Teatro Azione (Mauro Ascenzi, Anna Clelia Catucci, Larissa Cicetti, Dorinda Faustini, Vincenzo Grassi, Francesco Utzeri), e quella di Aldo Nicolaj Amleto in salsa piccante (29 agosto), con la Bottega del Bernini (Enrico Cametti, Dalila Candi, Gianmichele Cazzetta, Maria Grazia Fabiani, Simona Moni, Nicoletta Nicoletti, Anna Maria Petrocelli, Ilaria Ripanti, Rita Rossi, Raffaele Valeri).

Due appuntamenti di natura didattica e divulgativa sono Dante segreto (31 agosto), a cura di Alfredo Stirati, e Parole che cambiano il mondo (28 agosto), di Andrea Di Palma con testi di Paolo Carnevale e accompagnamento musicale Giacomo Gatto e Francesco Cellitti.

La chiusura è affidata alla Festa Popolare - Dai canti di pellegrinaggio ai Carmina Burana, progetto musicale di Nando Citarella con Stefano Saletti, Pejman Tadayon e con Gabriella Aiello, Barbara Eramo, Giovanni Lo Cascio, il Coro Medievale Arcangelo Corelli, il Coro Persepolis, Cymbalus, l’Equivox Ensemble, il Baobab Ensemble e il Coro Chaosity/Singing movie.



Collegamenti

In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha