Condividi
  • Facebook
  • Twitter
13/3/2018

Fulvio Roiter, da Venezia al mondo

La casa dei Tre Oci, nella Serenissima, dedica una retrospettiva al grande fotografo, evidenziando il legame con la città lagunare ma anche l’internazionalità del suo lavoro

La Casa dei Tre Oci, a Venezia, ospita dal 16 marzo al 26 agosto la prima retrospettiva dedicata al grande fotografo veneziano Fulvio Roiter, scomparso due anni fa. La sua ricerca è ripercorsa attraverso 200 immagini in bianco e nero e a colori, la maggior parte vintage. L’esposizione, a cura di Denis Curti, è stata realizzata grazie al contributo della moglie dell’artista, Lou Embo, ed è promossa dalla Fondazione di Venezia e dal Comune.

Il percorso espositivo, dal titolo “Fotografie 1948-2007”, copre l’intero arco della produzione dell’autore (1926-2016) ed evidenzia sia il legame con la sua città che la dimensione internazionale del suo lavoro. L’itinerario parte dagli esordi, nella stagione neorealista, per arrivare agli ultimi lavori e si articola in nove sezioni: “L’armonia del racconto”; “Tra stupore e meraviglia: l’Italia a colori”; “Venezia in bianco e nero: un autoritratto”; “L’altra Venezia”; “L’infinita bellezza”; “Oltre la realtà”; “Oltre i confini”; “Omaggio alla natura”; “L’uomo senza desideri”.

L’allestimento è arricchito da videoproiezioni, ingrandimenti spettacolari e libri. Il libro fotografico, infatti, è stato sempre il veicolo ideale dell’arte di Roiter, che curava personalmente i suoi progetti editoriali, così come stampava da solo le sue foto, nella camera oscura di casa sua. Numerosi e prestigiosi sono stati i riconoscimenti per le sue opere, tra i quali il Premio Nadar, nel 1956 per Umbria. Terra di San Francesco, e il Grand Prix a Les Rencontres de la Photographie d’Arles, nel 1978 con Essere Venezia.

Il catalogo è pubblicato da Marsilio Editori. La rassegna è corredata da un ricco programma di incontri e altre iniziative di approfondimento.

Fulvio Roiter, La casa di Bepi a Burano, 1997; © Fondazione Fulvio Roiter
Fulvio Roiter, La casa di Bepi a Burano, 1997; © Fondazione Fulvio Roiter


torna all'inizio del contenuto