Condividi
  • Facebook
  • Twitter
24/5/2018

Ghirri fotografa il “paesaggio dell’architettura”

Alla Triennale di Milano una mostra dedicata all’ultimo decennio di attività, segnato dalla collaborazione con “Lotus International”

“Luigi Ghirri. Il paesaggio dell’architettura” è la mostra proposta dal 25 maggio al 9 settembre dalla Triennale di Milano, con apertura nell’Arch Week (23-27 maggio), la settimana dedicata all’architettura contemporanea. L’esposizione, curata da Michele Nastasi, offre una presentazione inedita del celebre fotografo emiliano mettendo in luce l’importanza della sua opera nell’ambito dell’architettura.

Ghirri si avvicina all’architettura nel 1983, avviando una collaborazione quasi decennale con la rivista «Lotus International». L’architettura, insieme al paesaggio, diventa il soggetto privilegiato dell’opera matura dell’autore, fino al 1992, anno della sua prematura scomparsa. In questo periodo il fotografo dà vita a un corpus di immagini sugli interventi di singoli architetti e sulle esposizioni della Triennale e cura ampi progetti editoriali dei «Quaderni di Lotus», come Paesaggio italiano (1989) e la sezione fotografica di Atlante metropolitano (1991).

Il percorso espositivo, articolato in sezioni tematiche, accoglie oltre 350 fotografie, tra stampe originali e immagini proiettate, molte delle quali inedite, appartenenti all'archivio di «Lotus» e alla Triennale, in un allestimento progettato dallo studio milanese Calzoni Architetti - Sonia Calzoni, con la grafica di Pierluigi Cerri.

Luigi Ghirri, Ravenna, rocca Brancaleone, scenografia di Aldo Rossi per la Lucia di Lammermoor, 1987; © Eredi di Luigi Ghirri; courtesy: Editoriale Lotus
Luigi Ghirri, Ravenna, rocca Brancaleone, scenografia di Aldo Rossi per la Lucia di Lammermoor, 1987; © Eredi di Luigi Ghirri; courtesy: Editoriale Lotus


torna all'inizio del contenuto