Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Ambiente e paesaggio » Gianni Pettena per "Scultori a Brufa"
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

22/8/2017

Gianni Pettena per "Scultori a Brufa"

L'artista è l'ospite di quest'anno della manifestazione del Comune umbro di Torgiano con una mostra personale e un'opera ambientale

Gianni Pettena, bozzetto per "Architecture forgiven by nature"
Gianni Pettena, bozzetto per "Architecture forgiven by nature"

Venerdì 25 agosto (ore 18), a Brufa, borgo medievale e frazione del Comune di Torgiano (Perugia), si inaugura la trentunesima edizione di “Scultori a Brufa. La strada del vino e dell’arte”, manifestazione ideata dalla Pro Loco nel 1987, che ogni anno invita uno scultore ad esporre i propri lavori per le strade, acquisendo un’opera per ciascun autore.

Quest’anno è l'artista Gianni Pettena – cofondatore alla fine degli anni Sessanta del movimento dell'Architettura Radicale – a essere stato invitato a realizzare un’opera permanente per il paese. Inoltre, fino al 3 settembre nella Sala polivalente si potrà anche visitare una sua mostra personale; in occasione dell’evento, è stato stampato un catalogo con il testo critico dello storico dell’arte Bruno Corà.

A proposito della sua presenza a Brufa, Gianni Pettena ha dichiarato: «Quando, oltre dieci anni fa, venni a Brufa con Mauro Staccioli in occasione della sua installazione, pensai che il grande prato, con al suo centro la torre dell’acqua, fosse già protagonista di tanti elementi della collezione, e che avesse tante potenzialità ancora inespresse: era nel punto più alto del grande prato-parco di sculture [...] sarei stato in dialogo con i lavori di tanti miei amici, da Eliseo Mattiacci a Mauro Staccioli, da Gino Marotta a Hidetoshi Nagasawa».

Architecture forgiven by nature è il titolo che l’artista ha dato alla scultura ambientale situata sulla Collina delle Sculture, che utilizza la torre dell’acqua già esistente e che è composta da tubi e giunti innocenti, rete metallica, pannelli calpestabili da impalcatura, essenze vegetali che si svilupperanno attorno ad essa come la vite americana, il gelsomino e le edere.




Collegamenti

Articoli correlati Metadati correlati In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha