Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Formazione, ricerca e sviluppo » Giovanni da Pisa, la ricomposizione di un polittico
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

30/11/2017

Giovanni da Pisa, la ricomposizione di un polittico

In mostra a Torino, a Palazzo Madama, e poi a Pavia e Genova, quattro tavole restaurate attribuite al pittore ligure di inizio Quattrocento

Giovanni Da Pisa, Madonna col Bambino, tempera e oro su tavola; Genova, Museo Diocesano, proveniente dalla chiesa di Santa Fede
Giovanni Da Pisa, Madonna col Bambino, tempera e oro su tavola; Genova, Museo Diocesano, proveniente dalla chiesa di Santa Fede

Presso il Centro Conservazione e Restauro La Venaria Reale (Torino), sono state restaurate quattro tavole attribuite al pittore ligure d’inizio Quattrocento Giovanni da Pisa, originariamente appartenenti a un medesimo polittico: San Leonardo e Santa Chiara, di proprietà privata ma concesse in deposito a Palazzo Madama, così come la Sant’Agata del Museo Civico di Pavia; la Madonna col Bambino del Museo Diocesano di Genova era stata invece restaurata presso il laboratorio genovese di Antonio Silvestri.

La ricomposizione di questo polittico viene effettuata per la prima volta in occasione della mostra itinerante “Giovanni Da Pisa. Un polittico da ricostruire”, inaugurata il 25 ottobre scorso a Palazzo Madama, a Torino, e che resta visibile fino al 5 febbraio 2018 in Sala Acaia. A seguire, il polittico verrà esposto presso i Musei Civici di Pavia dal 10 febbraio al 29 aprile 2018 e al Museo Diocesano di Genova dal 3 maggio al 2 luglio 2018.

Le tavole raffiguranti Santa Chiara e San Leonardo erano appartenute all’inizio del Novecento alla collezione di Emanuele Balbo Bertone di Sambuy, ed esposte nella mostra “Gotico e Rinascimento in Piemonte” curata nel 1938 da Vittorio Viale. Il restauro effettuato a Venaria, avviato come tesi del corso di Laurea magistrale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali dell'Università degli Studi di Torino e realizzato con il supporto dei professionisti del Centro di Restauro, sotto la direzione di Palazzo Madama e della Soprintendenza, ha consentito un sostanziale avanzamento delle conoscenze sulle opere.

In seguito a questo intervento, si è aperta la possibilità di sottoporre a una nuova verifica l’ipotesi già da tempo formulata dalla critica, di una comune provenienza delle due tavole e degli altri due dipinti presentati in mostra: la Sant’Agata conservata presso i Musei Civici di Pavia e la Madonna col Bambino del Museo Diocesano di Genova. Gli studi hanno inoltre consentito di ipotizzare che a completare il polittico ci fosse una quinta tavola: un frammentario San Lorenzo di cui si ignora la attuale ubicazione.




Collegamenti

In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha