Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Liguria » Il Festival della mente esplora le reti
Esplora

Regioni

Liguria Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

28/8/2017

Il Festival della mente esplora le reti

La manifestazione di Sarzana, alla quattordicesima edizione, indaga le relazioni umane e gli ultimi sviluppi della scienza, della tecnologia, del pensiero artistico e umanistico

Festival della Mente 2017
Festival della Mente 2017

Torna a Sarzana (La Spezia), per la quattordicesima edizione, il Festival della Mente, dedicato alla creatività e alla nascita delle idee. La manifestazione, in programma dal 1º al 3 settembre, promossa dalla Fondazione Carispezia e dal Comune, è diretta da Benedetta Marietti con la consulenza scientifica di Gustavo Pietropolli Charmet e propone 41 appuntamenti tra incontri, laboratori, spettacoli, concerti, proiezioni e altri eventi, animati da scienziati, filosofi, scrittori, storici, artisti, psicoanalisti, designer e antropologi. Ricca anche la sezione dedicata a bambini e ragazzi, curata da Francesca Gianfranchi e realizzata col contributo di Crédit Agricole Carispezia., con 31 protagonisti e 22 eventi.

Il filo conduttore di quest’anno è la rete. Come ha spiegato Marietti, «è un concetto che racchiude molteplici significati e può essere declinato in molti modi. Dal web alla rete intesa come insieme di relazioni umane; dalle reti che ci ingabbiano e imprigionano all’esplorazione delle reti neurali nelle neuroscienze; dalla rete della solidarietà fino all’importanza della rete nella biologia, nella fisica, nella matematica, e perfino nello sport. Attraverso l’indagine di un tema è così possibile affrontare argomenti e campi diversi del sapere, dalle più recenti scoperte scientifiche agli ambiti di pensiero artistico e umanistico, in linea con la vocazione multidisciplinare e divulgativa del Festival».

La rassegna si apre con la lezione inaugurale di Elena Cattaneo, scienziata esperta di cellule staminale: “Le reti che fanno bene alla scienza”. Per le reti della scienza e della tecnologia interverranno lo scrittore e divulgatore scientifico Marco Malvaldi, il paleoantropologo Giorgio Manzi, il neurofisiologo Matteo Cerri, lo storico delle scienze biomediche Bernardino Fantini, il filosofo evoluzionista Telmo Pievani, il genetista Sergio Pimpinelli, l’esperto di bioetica Fabrizio Rufo, la fisica Lucia Votano, il filosofo Luciano Floridi, la neurologa Marilù Gorno Tempini.

Sulla rete delle relazioni umane sono attesi gli interventi degli scrittori Michele Mari, Edoardo Albinati, Aravind Adiga, Marcello Fois; del maestro elementare Franco Lorenzoni, dello psicoanalista Massimo Recalcati, della terapeuta Anna Salvo e della pedagogista Tiziana Iaquinta, e dei ragazzi del progetto B.Live con Bill Niada, presidente della Fondazione Near, e il medico Paolo Cornaglia Ferraris.

Le reti dell’attualità e della storia saranno approfondite dai reporter di guerra Elliot Ackerman e Imma Vitelli, dagli scrittori Suad Amiry e Nicola Gardini, dallo storico Peter Frankopan, dalla francesista Benedetta Craveri.

L’elenco degli ospiti del programma di incontri comprende, tra gli altri, anche la designer Patricia Urquiola, gli esperti di media Massimo Scaglioni e Axel Fiacco, il matematico Claudio Bartocci, lo scrittore Marco Belpoliti, il naturalista e fotografo Emanuele Biggi, il giornalista Darwin Pastorin, gli imprenditori sociali Carlo Borgomeo, Ugo Bressanello e Vincenzo Linarello, l’informatico Giorgio De Michelis e l’economista Gaetano Giunta.



Collegamenti

Articoli correlati In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha