Condividi
  • Facebook
  • Twitter
1/12/2017

Kerouac, pittore “beat”

A Gallarate una mostra di dipinti e disegni dello scrittore statunitense, tra le icone letterarie del Novecento

Una mostra al Ma*Ga di Gallarate (Varese) documenta l’attività pittorica e grafica di Jack Kerouac, noto soprattutto come scrittore, tra i fondatori della Beat Generation, una delle icone letterarie del Novecento. “Kerouac. Beat Painting” è il titolo dell’esposizione, in programma dal 3 dicembre al 22 aprile 2018, ricca di ottanta tra dipinti e disegni, in gran parte inediti in Italia. Si tratta perlopiù di opere finora esposte occasionalmente al Whitney Museum of American Art di New York, al Centre Pompidou di Parigi e al Centro per l’Arte e la Tecnologia dei Media (Zkm) di Karlsruhe e rimaste per decenni a Lowell (Massachusetts), città natale dello scrittore statunitense, prima di essere cedute a collezionisti privati. La rassegna, curata da Sandrina Bandera, Alessandro Castiglioni ed Emma Zanella, è organizzata dal Ma*Ga con il Comune e il sostegno di Ricola, Heritage Art Foundation e Fondazione Cariplo e in collaborazione con la galleria Il Rivellino di Locarno.

Complessivamente la forza dell’opera pittorica di Kerouac, come della sua letteratura, sta nell’identità tra arte e vita. Il percorso espositivo segue il labirintico processo creativo dell’autore e le sue relazioni con la cultura visiva americana, con gli altri esponenti del movimento Beat, da Allen Ginsberg a William Borroughs, e con i maestri della pittura informale e della Scuola di New York. L’itinerario si articola in diversi nuclei: dai ritratti di personaggi famosi, quali Joan Crawford, Truman Capote, Dody Muller o il cardinal Montini, ai riferimenti alla cultura beat, da Robert Frank a William S. Burroughs.

Vengono approfondite, inoltre, le relazioni con l’Italia, attraverso una selezione di fotografie scattate da Robert Frank e da Ettore Sottsass alla moglie Fernanda Pivano, ad Allen Ginsberg e allo stesso Kerouac, e a un progetto inedito di Peter Greenaway. Una sezione video offre un contesto culturale, con la proiezione dell’intervista di Fernanda Pivano a Jack Kerouac (Rai Teche) e del cortometraggio Pull My Daisy (1964), sceneggiato da Kerouac, diretto da Robert Frank e Alfred Leslie, e recitato da alcuni protagonisti della Beat Generation, quali Allen Ginsberg e Gregory Corso. Accompagna la mostra una pubblicazione edita da Skira.

Jack Kerouac, Sacred Heart, olio su carta, 23x30,5cm
Jack Kerouac, Sacred Heart, olio su carta, 23x30,5cm


In rete

torna all'inizio del contenuto