Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Musica » Melotti, quando la musica ispira la scultura
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

14/11/2017

Melotti, quando la musica ispira la scultura

L'artista è protagonista di una mostra a San Secondo di Pinerolo che mette in relazione arte figurativa e sonora. Nella sezione "Assonanze" un confronto con gli autori più amati o vicini

Fausto Melotti, Scultura nº 11, 1934, gesso; collezione privata
Fausto Melotti, Scultura nº 11, 1934, gesso; collezione privata

Dall’11 novembre all’11 febbraio 2018 apre i battenti al Castello di Miradolo a San Secondo di Pinerolo (Torino) una mostra antologica, “Quando la musica diventa scultura”, dedicata a Fausto Melotti e organizzata dalla Fondazione Cosso, che vuole mettere in dialogo le arti figurative e la musica.

L’esposizione, curata da Francesco Poli e da Paolo Repetto, si sviluppa attraverso un percorso di oltre 80 opere di cui 30 sculture, dipinti su carta e su gesso, ceramiche. La speciale sezione “Assonanze” mette a confronto le opere di Melotti con quelle di grandi artisti da lui amati o di cui è stato amico, tra cui Arturo Martini, Fortunato Depero, Paul Klee, Vassili Kandinskij, Alexander Calder, Lucio Fontana, Osvaldo Licini, Atanasio Soldati.

La musica, passione e fonte inesauribile di ispirazione per Melotti, entra in gioco da protagonista nell’esposizione. Attraverso un’inedita installazione sonora, curata dal progetto Avant-dernière pensée, le partiture amate dal maestro fanno da contrappunto sonoro alle sue opere, in tutte le sale del Castello.

Grande attenzione è riservata alla didattica, che trova spazio in un percorso di visita della mostra per i più piccoli, le scuole e le famiglie: all’allestimento si affiancano spazi appositamente riservati alla formazione, all’approfondimento attraverso contenuti multimediali e alla realizzazione di manufatti d’arte ispirati all’opera di Melotti e alle sue influenze.




Collegamenti

Articoli correlati Metadati correlati In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha