Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Puglia » Mirò, tra segno grafico e letteratura
Esplora

Regioni

Puglia Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

11/4/2018

Mirò, tra segno grafico e letteratura

In mostra al Castello di Monopoli circa novanta opere appartenenti a quattro serie complete realizzate tra il 1958 e il 1974

Joan Miró, Ubu Roi, 1966
Joan Miró, Ubu Roi, 1966

Le sale del Castello Carlo V di Monopoli (Bari) ospitano dal 24 marzo al 15 luglio la mostra “Joan Miró. Opere Grafiche 1948-1974”, promossa dal Comune e organizzata dalla società Sistema Museo. In esposizione un’antologia di circa novanta opere grafiche, appartenenti a quattro serie complete: Parler Seul (1948-50), Ubu Roi (1966), Le Lézard aux Plumes d’Or (1971) e Les Pénalités de l'Enfer ou les Nouvelles-Hebrides (1974).

La serie di litografie Parler Seul dialoga con l'omonimo poema scritto dal poeta romeno Tristan Tzara, tra i fondatori del movimento Dada, durante la degenza nell’ospedale psichiatrico di Saint-Alban nel 1945. Ubu Roi è una raccolta composta da coloratissime e corpose litografie ispirata dall’opera teatrale omonima di Alfred Jarry del 1896, rappresentata anche da altri artisti, da Pablo Picasso a Salvador Dalí a Max Erns.

Le Lézard aux Plumes d’Or rappresenta la fusione compiuta tra immagine e testo poetico dal grande artista catalano, protagonista assoluto della storia del libro d’artista. Infine, il ciclo Les Pénalités de l'Enfer ou les Nouvelles-Hebrides prende il nome da una nota opera del poeta francese surrealista Robert Desnos. I due avevano immaginato una collaborazione nel 1922 ma le vicissitudini storiche e l’internamento di Desnos nel campo di concentramento di Terezin dove trovò morte nel 1945 impedirono la realizzazione del progetto. Fu la moglie del poeta a fornire a Miró le poesie.

Affiancano la mostra iniziative rivolte alle scuole. Alla scuola dell’infanzia e primaria primo ciclo è dedicato il laboratorio “Trame e te”; alla primaria primo ciclo e alla secondaria di primo grado il laboratorio “Dada stampa”; alla primaria II ciclo e la secondaria di primo e secondo grado una visita guidata tematica.




Collegamenti

Articoli correlati

iconaInserisci un nuovo commento




captcha