Condividi
  • Facebook
  • Twitter
23/12/2016

Norcia, “la speranza rinasce dai capolavori”

In mostra a Siena alcune delle opere d’arte recuperate nelle chiese della città umbra devastate dal terremoto

Alcune delle opere d’arte recuperate a Norcia (Perugia) e nel suo territorio dopo i terremoti, in particolare dopo la scossa del 30 ottobre che ha distrutto la Basilica di San Benedetto, saranno esposte a Siena, nella Cripta sotto il Duomo e nella Chiesa di Santa Maria della Scala, dal 23 dicembre al 29 ottobre 2017, in una mostra che intende illustrare al pubblico il gravissimo danno al patrimonio culturale e la complessa opera di messa in sicurezza alla quale partecipano la Protezione Civile, il Corpo Nazionale Vigili del Fuoco, il Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Umbria e l’Ufficio Beni Culturali dell’Archidiocesi di Spoleto-Norcia.

L’allestimento, dal titolo “La bellezza ferita. Norcia, Earth Heart Art Quake. La speranza rinasce dai capolavori della città di San Benedetto”, è un percorso tra capolavori fino a poco tempo fa custoditi all’interno delle basiliche, dei santuari e delle pievi ora crollati o lesionati. L’iniziativa punta a sensibilizzare l’opinione pubblica e a offrire un contributo al restauro e al sostegno alle popolazioni colpite dal sisma. In esposizione materiali fotografici di fotoreporter locali e una serie di video girati dai Vigili del Fuoco che mostrano le varie fasi degli interventi di recupero.

La scelta della sede non è casuale: il progetto permette di presentare il territorio norcino a una platea di turisti ampia e internazionale come quella senese; inoltre, le due città sono accomunate da motivazioni spirituali, perché Norcia è la città natale di San Benedetto, fondatore dell’ordine dei benedettini, mentre Siena ha dato i natali a San Bernardo Tolomei, fondatore della congregazione benedettina di Santa Maria di Monte Oliveto.

Benedetto da Maiano (attribuito), Crocefisso; Ancarano, Chiesa di Santa Maria Bianca.
Benedetto da Maiano (attribuito), Crocefisso; Ancarano, Chiesa di Santa Maria Bianca.


torna all'inizio del contenuto