Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Speciali » Terremoto, l'arte ferita » Norcia, “la speranza rinasce dai capolavori”
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

23/12/2016

Norcia, “la speranza rinasce dai capolavori”

In mostra a Siena alcune delle opere d’arte recuperate nelle chiese della città umbra devastate dal terremoto

Benedetto da Maiano (attribuito), Crocefisso; Ancarano, Chiesa di Santa Maria Bianca.
Benedetto da Maiano (attribuito), Crocefisso; Ancarano, Chiesa di Santa Maria Bianca.

Alcune delle opere d’arte recuperate a Norcia (Perugia) e nel suo territorio dopo i terremoti, in particolare dopo la scossa del 30 ottobre che ha distrutto la Basilica di San Benedetto, saranno esposte a Siena, nella Cripta sotto il Duomo e nella Chiesa di Santa Maria della Scala, dal 23 dicembre al 29 ottobre 2017, in una mostra che intende illustrare al pubblico il gravissimo danno al patrimonio culturale e la complessa opera di messa in sicurezza alla quale partecipano la Protezione Civile, il Corpo Nazionale Vigili del Fuoco, il Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Umbria e l’Ufficio Beni Culturali dell’Archidiocesi di Spoleto-Norcia.

L’allestimento, dal titolo “La bellezza ferita. Norcia, Earth Heart Art Quake. La speranza rinasce dai capolavori della città di San Benedetto”, è un percorso tra capolavori fino a poco tempo fa custoditi all’interno delle basiliche, dei santuari e delle pievi ora crollati o lesionati. L’iniziativa punta a sensibilizzare l’opinione pubblica e a offrire un contributo al restauro e al sostegno alle popolazioni colpite dal sisma. In esposizione materiali fotografici di fotoreporter locali e una serie di video girati dai Vigili del Fuoco che mostrano le varie fasi degli interventi di recupero.

La scelta della sede non è casuale: il progetto permette di presentare il territorio norcino a una platea di turisti ampia e internazionale come quella senese; inoltre, le due città sono accomunate da motivazioni spirituali, perché Norcia è la città natale di San Benedetto, fondatore dell’ordine dei benedettini, mentre Siena ha dato i natali a San Bernardo Tolomei, fondatore della congregazione benedettina di Santa Maria di Monte Oliveto.




Collegamenti

Articoli correlati

iconaInserisci un nuovo commento




captcha