Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Speciali » Cento anni fa la Grande Guerra » Paola De Pietri, sulle montagne della Grande Guerra
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

26/2/2013

Paola De Pietri, sulle montagne della Grande Guerra

La fotografa ha documentato le esili tracce del primo conflitto mondiale sul paesaggio al confine tra Italia e Austria. Una parte del progetto è in mostra alla Triennale di Milano

Paola De Pietri, dalla serie To Face
Paola De Pietri, dalla serie To Face

A un secolo dalla Prima Guerra Mondiale la fotografa Paola De Pietri è tornata sui luoghi dei bombardamenti e delle trincee, lungo il fronte italo-austriaco, per documentare l’evoluzione del paesaggio. Ne è nata, tra il 2009 e il 2011, la serie To face, una selezione della quale viene presentata alla Triennale di Milano dal 2 marzo al 1° aprile.
 
Sulle montagne dove si combatteva, ora è tornata sovrana la natura: i residui lasciati dal conflitto, come la traccia di una trincea, sono deboli indizi. L’artista reggiana (1960) è andata alla ricerca di ciò che non c’è più. La sua è una fotografia dell’assenza, del pensiero, della memoria, della ricerca di qualcosa che va oltre la fisicità dei luoghi.
 
La rappresentazione del paesaggio montano, nella sua normalità e quotidianità, non ha nulla degli stereotipi turistici: le immagini, dai toni smorzati, non puntano sulla meraviglia e sulla spettacolarità.
Il progetto To face ha vinto il prestigioso Renger Patzsch Award, istituito dal Folkwang Museum di Essen e sostenuto dalla Dietrich Oppenberg Stiftung, ed è pubblicato nella sua interezza in un volume edito dall’editore tedesco Steidl. L’artista, il cui lavoro si concentra sull’idea di territorio, è apprezzata in Italia e all’estero e ha esposto in importanti sedi; sue opere sono state acquisite da prestigiose collezioni pubbliche e private.



Collegamenti

Metadati correlati In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha