Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Sicilia » Robert Capa, fotografia senza barriere
Esplora

Regioni

Sicilia Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

3/5/2018

Robert Capa, fotografia senza barriere

A Palermo una mostra dedicata al grande maestro del fotogiornalismo che fu testimone di cinque conflitti del Novecento

Robert Capa, Pablo Picasso e Françoise Gilot, Golfe-Juan, Francia, agosto 1948; © Robert Capa, © International Center of Photography / Magnum Photos
Robert Capa, Pablo Picasso e Françoise Gilot, Golfe-Juan, Francia, agosto 1948; © Robert Capa, © International Center of Photography / Magnum Photos

Il Real Albergo dei Poveri di Palermo ospita dal 25 aprile al 9 settembre la mostra “Robert Capa Retrospective”, dedicata al grande maestro del fotogiornalismo del Novecento. Robert Capa (Budapest, 22 ottobre 1913 - Thai Binh, Indocina, 25 maggio 1954) è lo pseudonimo di Endre Friedmann, inventato nel 1936 insieme alla compagna Gerda Taro. L’esposizione è promossa dall’Assessorato Regionale ai Beni Culturali e all’iIdentità Siciliana in occasione di Palermo Capitale della Cultura 2018 ed è organizzata da Civita in collaborazione con Magnum Photos e la Casa dei Tre Oci.

La rassegna, curata da Denis Curti, presenta 107 fotografie in bianco e nero che il fotografo, fondatore di Magnum Photos nel 1947 insieme a Henri Cartier-Bresson, George Rodger, David “Chim” Seymour e William Vandivert, scattò dal 1936 al 1954, anno della morte, causata da una mina anti-uomo. Capa è autore di scatti iconici, frutto dell’abolizione delle barriere tra fotografo e soggetto. Le sue immagini raccontano soprattutto la sofferenza, la miseria, il caos e la crudeltà della guerra. Sono sue, ad esempio, le uniche fotografie professionali dello sbarco in Normandia delle truppe statunitensi, il 6 giugno 1944. Capa, inoltre, fu testimone oculare di cinque grandi conflitti mondiali del XX secolo.

Il percorso espositivo si articola in dodici sezioni: “Copenhagen 1932”, “Francia 1936-1939”, “Spagna 1936-1939”, “Cina 1938”, “Gran Bretagna e Nord Africa 1941-1943”, “Italia 1943-1944”, “Francia 1944”, “Germania 1945”, “Europa orientale 1947”, “Israele 1948-1950”, “Indocina 1954”. L'itinerario si conclude con una sezione dedicata ai “Ritratti di amici e artisti”: Gary Cooper, Ernest Hemingway, Ingrid Bergman, Pablo Picasso, Henri Matisse, Truman Capote, John Huston, William Faulkner, Capa stesso insieme a John Steinbeck, e infine un ritratto del fotografo scattato da Ruth Orkin nel 1951. Una sezione speciale, infine, è dedicata alle fotografie scattate in Sicilia, dove Capa giunse nel luglio del 1943 imbarcato su una nave che portava rifornimenti e fungeva da copertura per l'avanzata della Settima Armata del generale George D. Patton.




Collegamenti

Articoli correlati

iconaInserisci un nuovo commento




captcha