Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Valle d'Aosta » Segantini, pittore di montagna
Esplora

Regioni

Valle D'Aosta Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

20/7/2017

Segantini, pittore di montagna

In mostra al Museo Archeologico di Aosta una selezione dei opere del pittore e di altri artisti dedicate all’ambiente montano

Giovanni Segantini, Il ritorno dal pascolo, olio su tela; collezione privata
Giovanni Segantini, Il ritorno dal pascolo, olio su tela; collezione privata

È aperta fino al 24 settembre la mostra “Giovanni Segantini e i pittori della montagna”, in corso dal’8 aprile al Museo Archeologico Regionale di Aosta. L’esposizione, a cura di Filippo Timo e Daniela Magnetti, propone un selezionato percorso che ha come fulcro l’esperienza pittorica di Segantini, tra i massimi esponenti del divisionismo italiano, che ha eletto la montagna a proprio soggetto principe, interpretandola in modo personale e innovativo, sia in termini di stile sia di poetica.

Accanto alle opere di Segantini, scelte attingendo a un periodo specifico, ovvero gli anni giovanili trascorsi in Brianza, compaiono più di cinquanta artisti, appartenenti a tre diverse generazioni: tra loro Vittore Grubicy, Emilio Longoni, Baldassarre Longoni, Carlo Fornara, Giuseppe Pellizza da Volpedo, Lorenzo Delleani, Cesare Maggi, Leonardo Roda, Italo Mus, Fortunato Depero.

L’itinerario è articolato in sette sezioni, oltre a quella dedicata a Segantini: le vedute estive, le scene di vita campestre e contadina, i paesaggi antropizzati, i ricordi alpini, i laghi, i tramonti e i notturni, le vedute dei grandi paesaggi innevati. A queste si aggiunge una sezione dedicata a Italo Mus, il pittore valdostano più noto e ammirato del XX secolo, di cui ricorre quest’anno il cinquantesimo anniversario della scomparsa.

Il catalogo è pubblicato da Skira.




Collegamenti

In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha