Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Tempo di libri, percorsi e divagazioni
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

7/3/2018

Tempo di libri, percorsi e divagazioni

Al via la seconda edizione della manifestazione milanese, con cinque sentieri tematici – donne, ribellione, Milano, testo e immagine, mondo digitale – e molto altro

Festival Tempo di Libri
Festival Tempo di Libri

Torna Tempo di Libri, a Milano dall’8 al 12 marzo negli spazi di Fieramilanocity. La manifestazione, diretta da Andrea Kerbaker, è organizzata dalla Fabbrica del Libro, società costituita dall’Associazione Italiana Editori (Aie) e da Fiera Milano, con la collaborazione di numerose realtà della cultura milanese, lombarda e nazionale. L’edizione 2018, la seconda, propone cinque sentieri tematici, uno per ogni giornata, oltre a numerose “divagazioni”. Agli incontri con gli autori e alle presentazioni editoriali si aggiungono le iniziative dedicate alle scuole e ai ragazzi, quelle per gli addetti ai lavori e lo spazio per la compravendita dei diritti (Mirc - Milan International Rights Center). In programma oltre 650 appuntamenti, con 900 ospiti.

Si comincia (giovedì 8 marzo) col tema “Donne”. A inaugurare la kermesse saranno scrittrici, artiste, giornaliste, scienziate, sportive. Tra le protagoniste Élise Thiébaut, Valeria Parrella, Natalia Aspesi, Nadia Fusini, Eva Cantarella, Simona Maggiorelli, Tiziana Ferrario, Antonia Klugmann, Colette Shammah, Chiara Gamberale, Gabriella Caramore, Carla Vistarini, Ornella Vanoni, Paola Zukar, Francesca Genti). Sarà dedicato un tributo a Fernanda Pivano, nel centenario della nascita, ispirato ai suoi diari di viaggio.

La seconda giornata (venerdì 9) sarà dedicata alla “Ribellione”. Lo spunto è il cinquantesimo anniversario del movimento di contestazione del 1968, ma lo sguardo si allargare ad altre e diverse rivolte. Tra gli ospiti Ezio Mauro, Yasmine El Rashidi, Luciano Fontana, Massimo Gramellini, Venanzio Postiglione, Massimo Fini, Gad Lerner, Giuliano Pisapia, Serge Latouche, Peter Wadhams, Elena Favilli, John Grisham, Gianrico Carofiglio, Eddie Newquist, Nicolai Lilin, Adriana Asti, Edoardo Boncinelli, Piergiorgio Odifreddi, Gino Castaldo, Simona Vinci, don Marco Pozza, Alberto Melloni, Mario Nava. La giornata propone anche il convegno “Ripensare le città attraverso i libri”.

Il giorno successivo (sabato 10) sarà protagonista Milano, riconosciuta a ottobre come “Città creativa Unesco per la letteratura”. Interverranno ospiti che hanno un legame stretto col capoluogo lombardo, come Michele Serra, Sveva Casati Modignani, monsignor Mario Delpini, il Cardinale Angelo Scola, Gianni Biondillo, Giuseppe Lupo, Fabio Deotto, Giorgio Falco, Giacomo Papi, Roberto Vecchioni, Giangiacomo Schiavi, Alan Friedman, Rania Ibrahim, Marco Messeri con una lettura manzoniana. Al di là del tema del giorno, il programma riserva numerosi appuntamenti; sono attesi, tra gli altri, Clara Sánchez, Carmen Yáñez, Christopher Bollen, Alain Badiou, Maurizio Ferraris, Ian Thomson, Gianluigi Nuzzi, Roberto Burioni, Paolo Di Stefano e Massimo Siragusa.

Il programma continuerà (domenica 11) con una riflessione su “Libri e immagine”, condotta a più livelli, con i contributi di Helena Janeczek, Concita De Gregorio, Dori Ghezzi, Pupi Avati, Silvio Muccino, Mattia Torre, Donato Carrisi, Philippe Daverio, Nino Frassica, Ivana Spagna, La Pina, Paola Maugeri. Si aprirà, inoltre, una finestra sulla narrativa internazionale di Roddy Doyle, Joe Lansdale, Ali Bachtyar, di Shi Yang Shi.

La giornata conclusiva (lunedì 12) dal titolo “Mondo digitale” getterà uno sguardo sul futuro dell’editoria, con gli interventi di Manfred Spitzer, Daniele Doesn’t Matter, Astrid Welter, Ugo Bacchella, Holger Volland e dei direttori dei principali quotidiani italiani.



Collegamenti

In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha