Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Archeologia » Traiano, l'optimus princeps che creò L'Europa
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

16/1/2018

Traiano, l'optimus princeps che creò L'Europa

A Roma una mostra dedicata all'imperatore, a 1900 anni dalla morte: le sue gesta in un percorso tra scultura, architettura e numismatica   

Mostra "Traiano. Costruire l'Impero, creare l'Europa", Mercati di Traiano Museo dei Fori Imperiali, Roma, 2017-2018
Mostra "Traiano. Costruire l'Impero, creare l'Europa", Mercati di Traiano Museo dei Fori Imperiali, Roma, 2017-2018

La mostra “Traiano. Costruire l’Impero, creare l’Europa”, inaugurata il 29 novembre e visitabile fino al 16 settembre nei Mercati di Traiano - Museo dei Fori Imperiali, a Roma, ideata da Claudio Parisi Presicce e curata di Marina Milella, Simone Pastor e Lucrezia Ungaro, celebra la ricorrenza dei 1900 anni dalla morte dell’imperatore che ha portato l’Impero alla sua massima espansione. Inoltre, è ospitata presso la via Biberatica anche Columna mutãtio - La Spirale, un’installazione monumentale di arte contemporanea, ideata dall’artista Luminiţa Țăranu, che racconta la mutazione di significato della Colonna di Traiano nel volgersi della storia.
 
Il progetto è caratterizzato dal racconto della vita eccezionale di un uomo ordinario, racchiusa in un titolo coniato per lui, optimus princeps, ovvero il migliore tra gli imperatori. Il percorso espositivo si sviluppa attraverso statue, ritratti, decorazioni architettoniche, calchi della Colonna Traiana, monete d’oro e d’argento, modelli in scala e rielaborazioni tridimensionali, filmati, ed è articolato in sette sezioni, a partire dalla morte di Traiano, avvenuta in Asia Minore e, unico caso della storia romana, celebrata con trionfo nella capitale insieme alle sue gesta. Si prosegue con la contrapposizione tra le cruente campagne nella Dacia e le grandi opere realizzate con la pace, dal ruolo delle donne della famiglia agli spazi privati, fino alla fortuna della figura di Traiano dopo l’antichità, dovuta alla sua fama di uomo giusto, il più “cristiano” tra i pagani, decoroso e caritatevole.
 
La rassegna si avvale anche delle installazioni multimediali e interattive che sono state realizzate grazie alle collaborazioni che la Sovrintendenza Capitolina ha attivato, a scopi di ricerca, studio e divulgazione con la Duke University, Department of Classical Studies, Dig@Lab, con il coordinamento scientifico di Maurizio Forte, e con Università degli Studi di Ferrara, Laboratorio di Studi e Provincie sulle Antiche Provincie Danubiane (Lad), Real Academia de Bellas Artes de San Fernando. Completa la mostra un catalogo edito da De Luca Editori d’Arte. 



Collegamenti

In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha