Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » “Ambienti”, attraverso gli spazi di Fontana
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

13/9/2017

“Ambienti”, attraverso gli spazi di Fontana

A Milano, all’HangarBicocca, i lavori ambientali dell’artista, tra i più sperimentali e meno conosciuti della sua produzione

Lucio Fontana, Ambiente spaziale con neon, 1967, tubo di neon rosso-viola; foto: Stedelijk Museum, Amsterdam; © Fondazione Lucio Fontana, Milano
Lucio Fontana, Ambiente spaziale con neon, 1967, tubo di neon rosso-viola; foto: Stedelijk Museum, Amsterdam; © Fondazione Lucio Fontana, Milano

Dal 21 settembre al 25 febbraio 2018 a Milano, nel centro espositivo Pirelli HangarBicocca, è allestita la mostra di Lucio Fontana “Ambienti/Environments”, curata da Marina Pugliese, Barbara Ferriani e Vicente Todolí e organizzata con la collaborazione della Fondazione Lucio Fontana.

L’esposizione, che ambisce a essere di importanza storica, raccoglie nello spazio delle Navate nove ambienti, attraversabili dai visitatori, e due interventi ambientali, creati dall’artista tra il 1949 e il 1968 per istituzioni e musei italiani e internazionali. Tra i lavori esposti spiccano quelli concepiti per il Walker Art Center di Minneapolis nel 1966 e per lo Stedelijk Museum di Amsterdam nel 1967.

Gli Ambienti spaziali, che hanno forma di stanze o corridoi, sono le opere più sperimentali e meno note di Fontana, proprio per la loro natura effimera: quasi sempre sono stati distrutti al termine dell’esposizione. Alcuni degli ambienti esposti sono stati ricostruiti per l’occasione, dopo accurati studi, per la prima volta dalla scomparsa dell’artista e mostrano una valenza estetica e formale ancora oggi contemporanea.




Collegamenti

In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha