Condividi
  • Facebook
  • Twitter
7/8/2018

“Armi e potere”, un percorso nel Rinascimento

A Roma una mostra in due sedi, Castel Sant’Angelo e Palazzo Venezia, approfondisce la cultura del combattimento nella società rinascimentale

“Armi e potere nell’Europa del Rinascimento” è la mostra allestita dal 26 luglio all’11 novembre a Castel Sant’Angelo e Palazzo Venezia, a Roma, a cura di Mario Scalini. Le due sedi ospitano due tra le più importanti collezioni al mondo di armi storiche, nuclei ai quali si aggiungono per questa occasione una serie di prestiti internazionali.

Organizzata dal Polo Museale del Lazio, l’esposizione approfondisce la storia delle armi in età rinascimentale concentrandosi sul sistema di valori ed esse connesso. Questo sistema coinvolgeva aspetti sociali e rituali, simbolici e iconografici; al suo interno si collocano, tra l’altro, competizioni e parate – i tornei e i bagordi – da leggere come autorappresentazioni rutilanti, spettacolari e truculente del ceto aristocratico e combattente.

La rassegna dà conto anche dei fattori tecnici e geopolitci: in particolare, la veloce affermazione della polvere da sparo e, di conseguenza, delle armi da fuoco e di adeguate contromisure difensive; inoltre, dal 1494 in avanti gli Stati italiani divennero terreni di scontro per le grandi potenze internazionali, prime fra tutte la Spagna e la Francia.

Il percorso espositivo, infine, presenta esempi della lunga tradizione dei manuali di arte militare e alcune immagini-simbolo del tempo, che raffigurano gentiluomini e talora anche gentildonne corazzati di tutto punto.

mostra "Armi e potere nell'Europa del Rinascimento"
mostra "Armi e potere nell'Europa del Rinascimento"

torna all'inizio del contenuto