Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » “I due Pirandello”, un dialogo per immagini
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

5/7/2017

“I due Pirandello”, un dialogo per immagini

Una mostra ad Agrigento accosta i dipinti del drammaturgo Luigi a quelli del figlio pittore Fausto

Fausto Pirandello, Bagnanti, 1970 circa, pastello su carta, 21x27cm
Fausto Pirandello, Bagnanti, 1970 circa, pastello su carta, 21x27cm

Un’interessante mostra, “I due Pirandello”, mette a confronto in un dialogo a distanza per immagini padre e figlio: il drammaturgo Luigi e il pittore Fausto. L’esposizione è allestita dal 1º al 30 luglio, nell’ambito delle celebrazioni per il 150º anniversario di nascita dello scrittore (1867-1936), nella Fam Gallery di Agrigento, spazio per l’arte moderna e contemporanea attiguo alle Fabbriche Chiaramontane nato per iniziativa dello stesso gruppo di collezionisti, l’Associazione Amici della Pittura Siciliana dell’Ottocento. L’organizzazione è di Paolo Minacori con la collaborazione di Gabriella Costantino, soprintendente ai Beni Culturali e Ambientali di Agrigento; Gioconda Lamagna, direttrice del Polo Regionale di Agrigento per i siti culturali, e Luigi Troja della Fondazione Fausto Pirandello.

L’esposizione parte da Luigi Pirandello, svelando una piccola raccolta di opere: per lo più ritratti familiari dalla vena intimistica nello scenario di Anticoli Corrado, il borgo degli artisti in provincia di Roma frequentato dall’autore con la sua famiglia. Proprio lì Fausto conobbe la moglie, la modella Pompilia D’Aprile.

L’itinerario di visita prosegue, appunto, con Fausto Pirandello, il vero artista della famiglia: si può ammirare una collezione di piccoli pastelli realizzati tra gli anni Sessanta e Settanta del Novecento, con la prima serie delle Bagnanti, tema ricorrente nella produzione del pittore, tra i massimi esponenti della Scuola Romana.

La rassegna prelude al grande evento espositivo d’autunno, in programma al Museo Archeologico, dove i dipinti della famiglia Pirandello – le tele di Luigi, ma anche dei fratelli Innocenzo, Giovanni e Rosolina, e del figlio Fausto – saranno messi a confronto con quelli di Giorgio De Chirico, Giulio Aristide Sartorio, Giuseppe Capogrossi, Giuseppe Pellizza Da Volpedo, Mario Mafai e altri.




Collegamenti

In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha