Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Cinema e media » “Icone di Hollywood”, l’età d’oro del divismo
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

17/7/2017

“Icone di Hollywood”, l’età d’oro del divismo

In mostra al Palazzo delle Esposizioni Roma una selezione di fotografie della Collezione Kobal

George Hurrell e Rita Hayworth agli studios della Columbia Pictures, Los Angeles, 1942; © John Kobal Foundation
George Hurrell e Rita Hayworth agli studios della Columbia Pictures, Los Angeles, 1942; © John Kobal Foundation

Fino al 17 settembre al Palazzo delle Esposizioni di Roma si possono ammirare 161 ritratti dei più grandi nomi della storia del cinema, nella mostra “Hollywood Icon. Fotografie dalla Fondazione John Kobal”, in corso dal 24 giugno.

Nel percorso espositivo scorrono i volti di Charlie Chaplin, Mary Pickford, Marlene Dietrich, Joan Crawford, Clark Gable, Cary Grant, Marlon Brando, Paul Newman, Marilyn Monroe, Sophia Loren, Marcello Mastroianni e molti altri protagonisti: dalle leggende dei film muti ai miti del secondo dopoguerra, in una suddivisione per decenni, dagli anni Venti ai Sessanta.

L’itinerario di visita, attraverso approfondimenti dedicati ai fotografi degli studi hollywoodiani, rivela il processo di costruzione, ed esportazione globale, di una stella del grande schermo nella sua epoca d’oro: tra gli esempi i ritratti di Joan Crawford realizzati da George Hurrell o quelli di Greta Garbo ad opera di Ruth Harriet Louise. In tutto i fotografi sono una cinquantina; spiccano i nomi di Clarence Sinclair Bull, Eugene Robert Richee, Robert Coburn, William Walling Jr, John Engstead, Elmer Fryer, Laszlo Willinger, A.L. "Whitey" Schafer e Ted Allan.

La rassegna, inoltre, illustra l’attività collezionistica e divulgativa di Kobal, che dapprima come appassionato, poi come giornalista e storico, comprese l’importanza di questi materiali: dagli anni Sessanta cominciò a rintracciare quei fotografi dimenticati e a incoraggiarli a produrre nuove stampe per mostre che allestì in sedi prestigiose in tutto il mondo.




Collegamenti

In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha