Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Eventi » “Illustri persuasioni”, arte pubblicitaria tra le due guerre
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

26/10/2017

“Illustri persuasioni”, arte pubblicitaria tra le due guerre

A Treviso in mostra una selezione della Collezione Salce dedicata ai grandi grafici degli anni Venti-Quaranta

Fortunato Depero, Teatro futurista, 1924
Fortunato Depero, Teatro futurista, 1924

Il nuovo Museo Nazionale della Collezione Salce, a Treviso, presenta nella mostra “Illustri persuasioni”, curata da Marta Mazza e aperta dal 14 ottobre al 14 gennaio 2018, una selezione dei suoi quasi 50 mila pezzi: un centinaio di testimonianze dell’arte pubblicitaria tra la Prima e la Seconda Guerra Mondiale, dal 1920 al 1940, anni in cui la “propaganda” assume un ruolo ufficiale e nella grafica raggiunge livelli di straordinaria eccellenza.

Tra i protagonisti geni già affermati precedentemente, come Leonetto Cappiello e Marcello Dudovich, che sperimentano nuovi linguaggi e inventano personaggi indimenticabili come il folletto nella buccia d’arancia per Campari o l’elegante donna in blu per la Fiat Balilla, e nuove stelle, come il francese Achille Luciano Mauzan.

In altri autori i volumi e le geometrie riconducono chiaramente ai paralleli percorsi della pittura, tra cubismo e futurismo: le nature morte di Marcello Nizzoli per il Campari o per il Vov; le marionette di Fortunato Depero, Enrico Prampolini e Bruno Munari; le figure “solidificate” di Lucio Venna, Giuseppe Riccobaldi del Bava e Mario Sironi; le donne di Franz Lenhart.

Erberto Carboni è presente con le prove giovanili come quelle per la O.p.s.o. di Parma e quelle più mature che sviluppano il rapporto tra grafica e fotografia. Con la fotografia lavorano anche Giaci Mondaini, che ritrae pure la piccola figlia Sandra; Xanti Schawinsky, che porta in Italia le ricerche del Bauhaus, e Gino Boccasile, con le “signorine grandi firme”.




Collegamenti

In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha