Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Eventi » "Impressione e Verità", da De Nittis ai fratelli Palizzi
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

10/7/2018

"Impressione e Verità", da De Nittis ai fratelli Palizzi

Una mostra alla Fondazione Museo Paparella di Pescara omaggia l’opera del pittore pugliese e la mette a confronto con i maggiori interpreti del Verismo italiano

mostra "Impressione e Verità nella pittura tra De Nittis, Patini e i Palizzi"
mostra "Impressione e Verità nella pittura tra De Nittis, Patini e i Palizzi"

Fino al 2 settembre è possibile visitare la mostra “Impressione e Verità nella pittura tra De Nittis, Patini e i Palizzi: dalla Puglia a Parigi attraverso la via degli Abruzzi”, inaugurata lo scorso 10 marzo presso la Fondazione Museo Paparella di Pescara che ha dedicato la rassegna all’opera di uno dei più grandi pittori dell’Ottocento italiano, Giuseppe De Nittis.

L’evento presenta dieci storiche opere dell’artista, provenienti dall’omonima Pinacoteca di Barletta (Bari) che raccoglie oltre cento opere e manoscritti di De Nittis, grazie alla donazione che sua moglie fece al Comune pugliese.

In esposizione lavori realizzati dall’artista durante la sua permanenza a Parigi, influenzate dal movimento Impressionista dall’amicizia e collaborazione con Manet e Degas. Il nucleo di dipinti di De Nittis è posto a confronto con quelle dei più grandi artisti del Verismo italiano, rappresentato dalle opere di Patini, dei quattro fratelli Palizzi, Laccetti, Recchione e Della Monica. Inoltre, trova spazio in mostra, Mergellina, opera di Quintillio Michetti, fratello maggiore di Francesco Paolo, tanto valido quanto dimenticato per il difficile reperimento delle sue rarissime opere.

Durante la visita all’esposizione, infine, si ha la possibilità di ammirare la collezione permanente di 151 esemplari di antiche maioliche di Castelli, prodotte tra il 1500 e il 1800, realizzate dai più grandi e famosi autori, fra i quali Francesco e Carlo Antonio Grue.



Collegamenti

Metadati correlati In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha