Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Speciali » Cento anni fa la Grande Guerra » “L’emozione di marmo”, storie di caduti e monumenti
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

4/8/2015

“L’emozione di marmo”, storie di caduti e monumenti

A Pisa una mostra dedicata alle opere commemorative realizzate in città e nel territorio per ricordare i combattenti e i civili morti nella Grande Guerra

mostra "L'emozione di marmo. I monumenti ai caduti della Grande Guerra a Pisa e nel territorio"
mostra "L'emozione di marmo. I monumenti ai caduti della Grande Guerra a Pisa e nel territorio"

Il Museo della Grafica di Pisa, a Palazzo Lanfranchi, ospita dal 16 luglio al 4 novembre una mostra dedicata ai monumenti ai caduti della Grande Guerra in città e nel territorio, dal titolo “L’emozione di marmo”, inserita nel programma ufficiale di celebrazioni per i cento anni del primo conflitto mondiale della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Il percorso espositivo, curato da Alberto Mario Banti, Stefano Renzoni e Alessandro Tosi, si snoda tra lavori grafici, riproduzioni fotografiche, modelli e ricostruzioni virtuali, documenti e testimonianze. Si possono ammirare disegni e incisioni di alcuni tra i protagonisti dell’arte del Novecento, come Luigi Bartolini, Mario Chiattone, Lorenzo Viani, Umberto Vittorini e Giuseppe Viviani. L’itinerario di visita evidenzia la pluralità di storie, tipologie, committenze, artisti e istituzioni coinvolti nella realizzazione delle opere commemorative.

Il catalogo, pubblicato della Pisa University Press, contiene scritti dei curatori e di Roberto P. Ciardi, Maria Antonella Galanti, Fabio Dei, Antonella Capitanio, Aurelio Pellegrini, Enrico Sartoni e Lorenzo Gremigni.

L’esposizione è promossa dal Museo della Grafica (Comune e Università di Pisa) e realizzata in collaborazione con la Prefettura, la Soprintendenza alle Belle Arti e Paesaggio per le province di Pisa e Livorno, la sezione pisana dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci e l’Associazione fra Mutilati e Invalidi di Guerra, Gli Amici dei Musei e Monumenti Pisani e Palazzo Blu. L’evento si inserisce anche nel progetto di valorizzazione “Piccoli grandi musei”, promosso dalla Regione Toscana e dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze.




iconaInserisci un nuovo commento




captcha