Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » “Lasciate ogni tristezza”, è il mondo di Renzo Arbore
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare




 

Evento

31/12/2015

“Lasciate ogni tristezza”, è il mondo di Renzo Arbore

Cinquant’anni di carriera e passioni in mostra alla Pelanda di Roma: musica, radio, tv, design, collezionismo, viaggi e incontri

immagine tratta da "Quelli della notte", 1985
immagine tratta da "Quelli della notte", 1985

“Renzo Arbore. La mostra” celebra il grande showman in occasione del trentennale di Quelli della notte, una delle sue “invenzioni” più celebri e significative. L’esposizione, allestita dal 18 dicembre al 3 aprile 2016 a Roma, nello spazio La Pelanda del Macro - Museo d'Arte Contemporanea, ripercorre cinquant’anni di carriera e di vita: le trasmissioni televisive e radiofoniche, le amicizie e le scoperte, i percorsi musicali e i concerti dell’Orchestra Italiana, la collezione di oggetti e memorabilia, i viaggi, l’impegno sociale.

Tra le testimonianze copertine di dischi, cravatte, oggetti di design in plastica, strumenti musicali, elementi scenografici, documenti audio e video. Il percorso espositivo è aperto dall’insegna «Lasciate ogni tristezza voi ch’entrate» e procede per “Stazioni”, soffermandosi su tutte le passioni del protagonista: “La musica”, “L’America, “Il collezionismo e la plastica”, “Il cinema”, “I viaggi”, “La televisione”, “Le città e gli amici”, “La moda e il design”, “La radio”, “La Lega del Filo d’Oro”.

Il progetto coinvolge oltre ad Arbore, molti dei suoi collaboratori, a partire da Alida Cappellini e Giovanni Licheri, che hanno disegnato le scene della maggior parte dei suoi spettacoli e hanno progettato l’allestimento. La regia e il montaggio dei filmati è di Luca Nannini, che si è avvalso delle ricerche di Sabina Arbore e Adriano Fabi.

La rassegna è affiancata da una serie di eventi collaterali e accompagnata dalla pubblicazione del volume Rizzoli E se la vita fosse una jam session? Fatti e misfatti di quello della notte, firmato da Arbore e curato da Lorenza Foschini.




Collegamenti

In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha