Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Sardegna » “Le futuriste”, una storia controversa
Esplora

Regioni

Sardegna Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

15/3/2018

“Le futuriste”, una storia controversa

In mostra al Man di Nuoro più di cento opere di artiste che tra gli anni Dieci e Quaranta del Novecento parteciparono al movimento d’avanguardia

Adriana Bisi Fabbri, I sette peccati capitali, 1914, olio su tela, 117x180cm; collezione privata
Adriana Bisi Fabbri, I sette peccati capitali, 1914, olio su tela, 117x180cm; collezione privata

Il Futurismo e le donne è il tema di una mostra allestita al Man - Museo d’Arte della Provincia di Nuoro dal 9 marzo al 10 giugno: “L’elica e la luce. Le futuriste. 1912_1944”, a cura di Chiara Gatti e Raffaella Resch.

Il ruolo femminile nel movimento d’avanguardia italiano è ancora materia di studio e argomento controverso; il Manifesto del futurismo (1909), infatti, era programmaticamente misogino: «Noi vogliamo glorificare la guerra – sola igiene del mondo – il militarismo, il patriottismo, il gesto distruttore dei libertari, le belle idee per cui si muore e il disprezzo della donna». Tuttavia, dagli anni Dieci ai Quaranta, diverse donne hanno contribuito al movimento, firmandone i manifesti, realizzando opere e partecipando alle collettive.

La rassegna espone più di cento lavori tra dipinti, sculture, disegni, tessuti, maquette teatrali e oggetti d’arte applicata. A completare l’allestimento un ampio apparato documentario, prime edizioni di testi, lettere autografe, fotografie d’epoca, manifesti originali, studi, bozzetti. Il percorso espositivo è articolato per macro-temi: il corpo e la danza, il volo e la velocità, il paesaggio e l’astrazione, le forme e le parole.

Le protagoniste sono figure indipendenti, artiste e intellettuali di primo piano nella ricerca estetica. Di ognuna è raccontata la biografia umana e artistica. Spiccano i nomi di Valentine de Saint-Point, che nel 1912 pubblicò il Manifeste de la femme futuriste, e di artiste totali come Benedetta, la più conosciuta, o Marisa Mori e Adele Gloria. Emergono anche le collaboratrici della rivista «L’Italia futurista», artiste rimaste nell’ombra come Brunas o cancellate delle guerre come Alma Fidora (la cui biblioteca e l’archivio di documenti sono andati distrutti sotto i bombardamenti).





iconaInserisci un nuovo commento




captcha