Condividi
  • Facebook
  • Twitter
18/10/2017

"Le lézard aux plume", Miró tra immagine e poesia

A Recanati una mostra dedicata alla serie di litografie realizzata nel 1971 che rappresenta la fusione compiuta dall'artista tra segno, parola, colore e rappresentazione

Villa Colloredo Meis, a Recanati (Macerata), ospita fino al 5 novembre una mostra dedicata all’opera di Joan Miró Le lézard aux plume, allestita dal 15 luglio scorso e prorgata in seguito all'interesse suscitato.

La serie di litografie a colori, realizzata nel 1971, rappresenta la fusione compiuta da Miró tra immagine e testo poetico, in un’equilibrata coesistenza di grafismo e immagini. Nella terra di Giacomo Leopardi, la poesia surrealista diventa immagine e l’immagine è testo poetico: questa mostra è un’occasione per scoprire e ammirare un particolare aspetto del meraviglioso mondo del grande artista catalano.

L’attività di illustratore di Miró ha sempre rappresentato un momento fondamentale nel suo percorso artistico, facendone un protagonista assoluto della storia del libro d’artista. Le parole si liberano del “buon comporre” e prendono vita: il segno diventa disegno in una vera baraonda cromatica. L’esposizione accompagna il visitatore alla scoperta dell’alternanza armoniosa di versi e immagini vibranti di colori, per sorprendersi di inattese visioni e libertà espressiva: un viaggio dai segni alla parola, dal colore alla rappresentazione.

Grazie al biglietto unico si propone la visita al circuito della città di Recanati che unisce arte, poesia e musica, come un unico museo diffuso da percorrere e scoprire, che comprende anche i Musei Civici di Villa Colloredo Mels, il Museo dell’Emigrazione Marchigiana, il Museo “Beniamino Gigli” e la Torre del Borgo. Completa la mostra un catalogo con testi di Sebastiano Guerrera.

Joan Miró, Le lézard aux plumes d'or
Joan Miró, Le lézard aux plumes d'or


Metadati correlati

torna all'inizio del contenuto