Condividi
  • Facebook
  • Twitter
24/4/2017

“Massimiliano e l’esotismo”, l’Oriente nell’Europa dell’Ottocento

In mostra al Castello di Miramare di Trieste manufatti d’arte orientale raccolti dall’imperatore nel corso dei suoi viaggi, affiancati da cineserie

Il Museo Storico del Castello di Miramare di Trieste rende omaggio a Massimiliano d’Asburgo in occasione del 150 anni dalla morte (1832-1867) con una mostra di oggetti preziosi, ceramiche e dipinti raccolti dall’imperatore nel corso dei suoi viaggi e conservati nelle collezioni museali. L’esposizione, allestita dall’11 aprile al 7 gennaio 2018, si intitola “Massimiliano e l’esotismo. Arte orientale nel Castello di Miramare”, è curata da Rossella Fabiani e Francesco Morena e offrendo uno spaccato del collezionismo nato dal fascino delle culture asiatiche nell’Italia e nell’Europa dell’Ottocento.

Il percorso espositivo, ricco di oltre cento opere, presenta porcellane, lacche, arredi, sculture e suppellettili di vario genere – provenienti dal Medio Oriente, dall’India, dalla Cina e dal Giappone – in dialogo con dipinti, litografie, iscrizioni arabe ed esemplari della produzione europea e americana ispirata all’arte orientale, la cosiddetta Cineseria.

I manufatti si collocano in un arco cronologico che va dalla fine del Cinquecento alla metà dell’Ottocento: Massimiliano, infatti, acquistò sia pezzi antichi che oggetti di produzione contemporanea. Tra le principali attrazioni, un monumentale paravento messicano del 1719 che raffigura una scena di vita cinese, esemplare prezioso e unico in Italia di Cineseria coloniale; uno stipo giapponese in legno e intarsi di madreperla dell’inizio del Seicento realizzato per il mercato portoghese; due spettacolari vasche da pesci in porcellana cinese della metà del Settecento; uno stipo indiano in legno di cedro e intarsi di ebano e avorio.

L’infatuazione di Massimiliano per l’Oriente - un’autentica scoperta, uno stile di vita, una dimensione della mente – è rappresentata inoltre dai due ambienti orientaleggianti del Castello: il Salotto Giapponese e il Salotto Cinese, adibito a fumoir e destinato ad ospitare parte dei manufatti asiatici, secondo le indicazioni dello stesso imperatore.

Il catalogo è pubblicato da Marsilio Editori.

anonimo artista messicano, paravento, Scene cinesi, 1718 circa, olio su tela e legno dipinto, 209x526cm
anonimo artista messicano, paravento, Scene cinesi, 1718 circa, olio su tela e legno dipinto, 209x526cm


torna all'inizio del contenuto