Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Eventi » "On the road", percorrendo la Via Emilia
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

29/12/2017

"On the road", percorrendo la Via Emilia

Al Palazzo dei Musei di Reggio Emilia una mostra dedicata alla storia della grande arteria stradale, da Lepido alla contemporaneità

Un tratto della via Emilia rinvenuto a Reggio Emilia negli scavi del 1931-1932, ora ricoperto
Un tratto della via Emilia rinvenuto a Reggio Emilia negli scavi del 1931-1932, ora ricoperto

La mostra “On the road. La Via Emilia, 187 a.C. - 2017”, allestita nel Palazzo dei Musei di Reggio Emilia dal 25 novembre al 1º luglio 2018, propone una riflessione a 360 gradi sulla storia della Via Emilia, sul suo fondatore e sul significato dell’importante arteria nella contemporaneità. Reggio Emilia è l'unica città della regione che conserva nel proprio nome il ricordo del suo fondatore; l’evento è promosso dai Musei Civici di Reggio Emilia, dal Segretariato regionale del Mibact per l'Emilia-Romagna e dalla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara.

Curata da Luigi Malnati, Roberto Macellari e Italo Rota, l’esposizione si avvale di un comitato scientifico composto da Giovanni Brizzi, Annalisa Capurso, Francesca Cenerini, Antonella Coralini, Mauro Cremaschi, Renata Curina, Maurizio Forte, Maria Luisa Laddago, Daniela Locatelli, Roberto Macellari, Luigi Malnati, Giada Pellegrini, Elisabetta Pepe, Marco Podini e Paolo Sommella.

La rassegna dedica una particolare attenzione alla figura di Marco Emilio Lepido, il geniale costruttore che, sgominati Celti e Liguri, decise la costruzione di una lunghissima strada che collegasse le colonie di Rimini e Piacenza: una strada che avrà alterne fortune nel corso dei secoli ma che non sarà mai abbandonata. L’esposizione si sviluppa nelle tre sedi di Palazzo dei Musei, Palazzo Spalletti Trivelli e Museo Diocesano e in altri luoghi del centro storico coinvolti a vario titolo nel circuito tematico della mostra. Fra questi il Municipio, che rende omaggio alla figura del suo fondatore accogliendo il visitatore con la scultura settecentesca di Marco Emilio Lepido, ora restaurata. Nella sede del Museo Diocesano viene approfondito il tema del primo Cristianesimo lungo la Via Emilia, mentre Palazzo Spalletti Trivelli, sede del gruppo bancario Credem, ospita una sezione dedicata all’edilizia romana sullo sfondo dei resti del foro della città tuttora conservati nei sotterranei dell'istituto di credito.

Ma la mostra vera e propria è ospitata nel Palazzo dei Musei, un percorso che coinvolge l’intero edificio con installazioni, ricostruzioni 3D, proiezioni e l’esposizione di oltre 400 reperti provenienti da importanti musei nazionali e da collezioni della città che illustrano le sette aree tematiche: “L'Emilia prima dell'Aemilia”, “Via Emilia-SS9”, “Marco Emilio Lepido e la sua città”, “Ruote zoccoli e calzari”, “La buona strada”, “Racconti per l'eternità”, “Est modus in rebus”.




Collegamenti

In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha