Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » “Opera libera”, l’arte come bene di tutti
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

7/7/2017

“Opera libera”, l’arte come bene di tutti

Al Museo Etrusco di Villa Giulia, a Roma, una mostra che raccoglie lavori nati dalla partecipazione dei fruitori del patrimonio culturale a iniziative di riscoperta e riuso

Luca Monelli, Chiesa Parrocchiale di San Felice Vescovo Martire di San Felice sul Panaro (Modena); pubblicata con licenza CC BY-SA 4.0 su Wikimedia Commons
Luca Monelli, Chiesa Parrocchiale di San Felice Vescovo Martire di San Felice sul Panaro (Modena); pubblicata con licenza CC BY-SA 4.0 su Wikimedia Commons

Si è aperta a Roma (4 luglio) al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia la mostra “Opera libera”, in programma fino al 30 luglio. L’esposizione, promossa dal Museo insieme a Wikimedia Italia e Enegan, raccoglie diversi nuclei di opere artistiche e fotografiche nate dalla partecipazione attiva degli utenti, coinvolti in tre iniziative di riscoperta del patrimonio artistico, culturale e archeologico come bene appartenente a tutti: “Wiki Loves Monuments”, “Connected Open Heritage” e “EneganArt”. La rassegna, curata da Maria Pia Bevilacqua e Sara Maria d’Onofrio, è stata concepita per stimolare un dialogo con i reperti della ricca collezione museale.

“Wiki Loves Monuments” è un concorso fotografico aperto a tutti i cittadini, invitati a immortalare il patrimonio culturale italiano, e alle istituzioni, pubbliche e private, che possono aderire autorizzando la pubblicazione delle immagini dei monumenti di loro proprietà: è possibile partecipare solo con foto di monumenti “liberati” dagli enti, presenti in un’apposita lista creata da Wikimedia Italia; gli scatti vengono rilasciati con licenza libera e pubblicati su Wikimedia Commons, il grande database multimediale di Wikipedia.

“Connected Open Heritage” è un progetto promosso da Wikimedia Svezia e Wikimedia Italia, in collaborazione con l’UNESCO, per digitalizzare e rendere disponibili le informazioni riguardanti il patrimonio culturale a rischio in varie parti del mondo.

“EneganArt” è un concorso nazionale finalizzato alla promozione dell’arte attuale italiana e alla valorizzazione del patrimonio artistico nazionale.

Comune alle tre iniziative, e alla base delle opere elaborate, è il concetto di opera libera, sia nel senso di contenuto svincolato da limitazioni e licenze, sia come bene culturale fisicamente fruibile da parte di chiunque e liberamente riproducibile (il tema è stato oggetto della tavola rotonda inaugurale “Il valore dell’eredità culturale per la società. Il libero riuso della fotografia oltre il tabù del lucro”).

Oltre alla mostra “Opera libera” il Museo espone nuovamente i 27 pezzi della preziosa raccolta di gioielli nota come “Ori Castellani”, rubati nel 2013 e recuperati l’anno scorso dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale.




iconaInserisci un nuovo commento




captcha