Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » "Postwar Era", arte americana ed europea del secondo Novecento
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare




 

Evento

18/1/2016

"Postwar Era", arte americana ed europea del secondo Novecento

Alla Collezione Guggenheim di Venezia una mostra che offre una rinnovata lettura delle tendenze dell'ultimo dopoguerra e approfondisce l'opera di due artisti: Jack Tworkov e Claire Falkenstein

Claire Falkenstein, Vibrazione Venezia, 1964
Claire Falkenstein, Vibrazione Venezia, 1964

Dal 23 gennaio al 4 aprile la Collezione Peggy Guggenheim, a Venezia, propone la rassegna “Postwar Era: una storia recente. Omaggi a Jack Tworkov e Claire Falkenstein”. Attraverso 70 opere raccolte dalla mecenate Peggy Guggenheim, la mostra, curata da Luca Massimo Barbero, offre una lettura rinnovata dell’arte americana ed europea dal secondo dopoguerra al 1979.

In esposizione una ricercata selezione dei lavori, riuniti per gruppi e accostati in base a tema, stile, affinità che rappresenta quella sensibilità che va al di là dei movimenti e delle tendenze artistiche, quel raffinato sentire che Peggy seppe cogliere con la sua attività di collezionista lungimirante e all’avanguardia.

Il percorso – che presenta i lavori di Willem de Kooning, William Baziotes, Robert Motherwell, Afro, Giuseppe Capogrossi, Bice Lazzari, Giuseppe Santomaso, Emilio Vedova, Alan Davie e Graham Sutherland – offre inoltre l’opportunità di approfondire l’opera di due artisti della Collezione: Jack Tworkov (1900-1982) e Claire Falkenstein (1909-1997), quest’ultima conosciuta per la creazione del cancello della Collezione Peggy Guggenheim a Palazzo Venier dei Leoni, commissionato nel 1960 e che sarà restaurato per la mostra.




Collegamenti

Metadati correlati In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha