Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » "Realismo magico", dalla realtà alla trasfigurazione
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

22/12/2017

"Realismo magico", dalla realtà alla trasfigurazione

Al Mart di Rovereto una mostra dedicata a quella pittura degli anni Venti e Trenta che unì la rappresentazione oggettiva all'immaginazione 

Felice Casorati, Gli scolari (dettaglio), 1927-1928; Galleria d'Arte Moderna "Empedocle Restivo", Palermo
Felice Casorati, Gli scolari (dettaglio), 1927-1928; Galleria d'Arte Moderna "Empedocle Restivo", Palermo

Dal 3 dicembre al 2 aprile 2018 il Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto (Mart) ospita, nella sede di Rovereto, la mostra “Realismo magico. L’incanto nella pittura italiana degli anni Venti e Trenta” curata da Gabriella Belli e Valerio Terraroli e realizzata in collaborazione con 24 Ore Cultura.

La rassegna – che nel 2018 approderà all’Ateneum Art Museum di Helsinki e al Folkwang Museum di Essen – ripercorre le vicende del Realismo Magico in Italia attraverso una selezione di capolavori pittorici provenienti da importanti collezioni pubbliche e private.

Coniata dal critico Franz Roh in un saggio dedicato alla pittura contemporanea (1925), la definizione “Realismo magico” descrive una stagione artistica internazionale che ha conosciuto la sua fase più creativa e originale tra gli anni Venti e gli anni Trenta del Novecento. Si tratta di un periodo successivo alle vicende delle Avanguardie storiche, segnato dal recupero della tradizione pittorica e scultorea.

La rappresentazione oggettiva che il termine “realismo” evidenzia si accompagna, in questa espressione, a un aggettivo che evoca le atmosfere sospese e surreali caratteristiche di questa corrente. La realtà è infatti punto di partenza di una trasfigurazione che passa attraverso l’immaginazione e la meraviglia, messa in atto da un gruppo di artisti tra cui spiccano Cagnaccio di San Pietro, Felice Casorati, Antonio Donghi, Achille Funi, Carlo Levi e Ubaldo Oppi.

Accanto agli interpreti più noti operano alcuni artisti attivi nelle realtà più locali dell’arte veneziana, triestina, torinese e romana, a conferma della trasversalità di temi e stili su cui converge l'esperienza pittorica italiana di quei decenni: tra questi Mario e Edita Broglio, Leonor Fini, Arturo Nathan, Carlo Sbisà, Gregorio Sciltian, Carlo Socrate e Cesare Sofianopulo.




Collegamenti

Metadati correlati In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha