Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Umbria » “Seduzione e potere”, figure femminili tra il Cinquecento e il Settecento
Esplora

Regioni

Umbria Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

31/7/2017

“Seduzione e potere”, figure femminili tra il Cinquecento e il Settecento

A Gualdo Tadino la nuova mostra ideata da Vittorio Sgarbi: la donna nell’arte tra Guido Cagnacci e Tiepolo

Francesco Cairo, Maddalena portata in cielo dagli angeli, olio su tela; collezione privata
Francesco Cairo, Maddalena portata in cielo dagli angeli, olio su tela; collezione privata

È allestita a Gualdo Tadino (Perugia), nella Chiesa Monumentale di San Francesco, dal 30 luglio al 3 dicembre, la nuova mostra ideata dallo storico e critico d’arte Vittorio Sgarbi: “Seduzione e potere. La donna nell’arte tra Guido Cagnacci e Tiepolo”. Il progetto, curato Vittorio Sgarbi con la collaborazione di Antonio d’Amico, è promosso dall’amministrazione comunale e dal Polo museale cittadino, diretto da Catia Monacelli, e patrocinato dalla Regione Umbria e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia.

L’esposizione riunisce trenta capolavori di 29 maestri attivi tra il Cinquecento e il Settecento, tra Controriforma, Barocco e Rococò, come Simone Peterzano, Giulio Cesare Procaccini, Lionello Spada, Mattia Preti, Luca Giordano, Giambattista Tiepolo e i figli Giandomenico e Lorenzo Tiepolo.

L’itinerario di visita procede tra racconti mitologici, biblici e allegorici dai quale emergono figure femminili di volta in volta ricche di pathos, misticismo, sensualità e teatralità: la Maddalena di Francesco Cairo, la Cleopatra di Guido Cagnacci, la Primavera di Rosalba Carriera, l’Anfitrite di Giambattista Tiepolo.

I dipinti esposti, di imponenti dimensioni, provengono da prestigiose collezioni private italiane ed estere, dalla Pinacoteca dell’Accademia dei Concordi di Forlì e dalle Collezioni d’arte della Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro.




Collegamenti

In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha