Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Ambiente e paesaggio » “Sequenza sismica”, dieci anni di terremoti
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

23/11/2017

“Sequenza sismica”, dieci anni di terremoti

In una mostra fotografica a Modena i reportage di sette autori internazionali nelle zone colpite, dall'Aquila all’Emilia ad Amatrice

Olivier Richon, Amatrice, 2017, stampa alla gelatina d'argento, 40x50cm; © Olivier Richon
Olivier Richon, Amatrice, 2017, stampa alla gelatina d'argento, 40x50cm; © Olivier Richon

L’ex Manifattura Tabacchi di Modena (Mata) di Modena ospita dal 21 ottobre al 4 febbraio 2018 la mostra “Sequenza sismica”, curata da Filippo Maggia con la collaborazione di Teresa Serra. La rassegna raccoglie le opere di sette fotografi italiani e stranieri reduci da un periodo di lavoro in Emilia e nelle regioni del centro Italia per raccontare la sequenza di terremoti che ha colpito il nostro paese negli ultimi dieci anni, dall'Aquila a Modena ad Amatrice.

In esposizione una settantina immagini di Olivier Richon, Hallgerður Hallgrímsdóttir, Naoki Ishikawa, Tomoko Kikuchi, Eleonora Quadri, Valentina Sommariva e Alicja Dobrucka. Gli artisti nel corso della missione si sono interrogati su diversi aspetti: la natura è diventata nemica? Che cosa succede quando si perde tutto? Da dove ricominciare a ricostruire? Fin dove è lecito spingersi nel fotografare il dolore?

Completa il progetto un video documentario prodotto dalla Fondazione Fotografia Modena, ideato e realizzato da Daniele Ferrero e Roberto Rabitti intorno al tema cardine del tempo; grazie alla consulenza di alcuni professori dell'Università di Pisa sono state approfondite le dinamiche che caratterizzano la psicologia del trauma.

Infine, è esposta una selezione di fotografie storiche dei primi terremoti fotografati in Italia, a cura di Chiara Dall’Olio: quello del 16 dicembre 1857 in Val d’Agri (oggi territorio compreso fra le provincie di Potenza e Salerno), rappresentato nelle fotografie di Alphonse Bernoud; quello di Norcia del 22 agosto 1859, nelle fotografie di Robert MacPherson; quello di Casamicciola, sull’isola di Ischia, del 28 luglio 1883, nelle immagini di un anonimo reporter, e quello di Messina del 1908, fotografato da Luca Comerio.

“Sequenza sismica” è promossa dalla Fondazione Fotografia Modena, con il patrocinio della Protezione Civile Nazionale, del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, dell’Associazione Nazionale Pubbliche Assistenza e della Regione Emilia-Romagna. Il catalogo è pubblicato da Skira.




Collegamenti

Articoli correlati In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha