Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Speciali » Cento anni fa la Grande Guerra » “Sironi e la Grande Guerra”: vignette, ritratti e paesaggi
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

3/3/2014

“Sironi e la Grande Guerra”: vignette, ritratti e paesaggi

Una mostra a Chieti approfondisce la tematica bellica del pittore, nucleo centrale di un percorso espositivo che comprende anche altri artisti, dai futuristi a Grosz e Dix

Mostra "Sironi e la Grande Guerra"
Mostra "Sironi e la Grande Guerra"

“Sironi e la Grande Guerra. L’arte e la Prima Guerra Mondiale dai futuristi a Grosz e Dix” apre il programma espositivo per il centenario dell’evento bellico (1914-1918). Promossa dalla Fondazione Carichieti e ospitata a Palazzo de Mayo, a Chieti, dal 22 febbraio al 24 maggio, l'esposizione, a cura di Elena Pontiggia, comprende oltre cinquanta opere di artisti che, in vario modo, hanno rappresentato l'esperienza tragica del conflitto: da Balla a Carrà, da Léger a Grosz e Dix, da Previati a Nomellini. Al centro della rassegna è, tuttavia, Mario Sironi, di cui vengono per la prima volta analizzate organicamente la stagione degli anni 1915-1918 e la tematica della guerra.

Il percorso di visita muove da maestri europei come Fernand Léger con I giocatori di carte (1915); Otto Dix, con Schützengraben in der Champagne (1916); George Grosz. Prosegue poi con gli italiani, da Gaetano Previati (Gli orrori della guerra, 1917) e Plinio Nomellini (Allegoria della vittoria sull’esercito in marcia, 1919) ai futuristi Giacomo Balla, Carlo Carrà, Fortunato Depero, Enrico Prampolini, Gerardo Dottori, fino ad Aroldo Bonzagni, Massimo Campigli e molti altri, tra cui Lorenzo Viani e Pietro Marussig che rappresentano entrambi un Soldato austriaco, emblema della sconfitta.

Le sale sironiane mostrano in apertura le vignette satiriche contro gli austro-tedeschi realizzate nel 1915-1918, tra cui quelle per la rivista «Il Montello», diretta da Massimo Bontempelli; di rilevante interesse, in particolare, è l’ultimo numero, uscito nel novembre 1918 per celebrare la vittoria, di cui sopravvivono solo cinque copie. A seguire i commoventi ritratti di soldati e ufficiali e il drammatico paesaggio urbano Città e aereo (1921).

Si ammirano, inoltre, due opere monumentali: la tela della Vittoria alata, dipinta nel 1935, e i Soldati, del 1936. La prima è il cartone per l’affresco L’Italia fra le scienze e le arti, realizzato per l’Aula Magna dell’Università La Sapienza di Roma, ed è oggi il più importante documento dell’idea sironiana perché l’affresco romano è stato pesantemente ridipinto.

La mostra è accompagnata da un catalogo pubblicato da Allemandi.




iconaInserisci un nuovo commento




captcha