Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Speciali » Terremoto, l'arte ferita » “Terremoti e monumenti”, una giornata di studi
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

12/12/2016

“Terremoti e monumenti”, una giornata di studi

A Firenze un’iniziativa dell’Opera di Santa Maria del Fiore per mettere a confronto le esperienze con un approccio pluridisciplinare

Bartolo di Fredi, I figli di Giobbe sepolti sotto le case, dipinto murale; Collegiata di San Gimignano
Bartolo di Fredi, I figli di Giobbe sepolti sotto le case, dipinto murale; Collegiata di San Gimignano

Mercoledì 14 dicembre si svolgerà a Firenze una giornata di studi sul tema “Terremoti e monumenti”, un’iniziativa dell’Opera di Santa Maria del Fiore volta a promuovere una riflessione pluridisciplinare per approfondire la complessità del fenomeno sismico in ordine alla stabilità dei monumenti, alle prospettive di consolidamento e di prevenzione sismica. La giornata si svolgerà presso il Centro Arte e Cultura, con ingresso libero fino a esaurimento posti, dalle 9.30 alle 18.30 circa.

All’incontro sono stati invitati a partecipare specialisti dei vari settori con precise esperienze. «Sappiamo bene della delicatezza del problema ma si è convinti che solo da confronti concreti possono scaturire indicazioni migliorative, sia per le indagini diagnostiche che per la predisposizione degli interventi nell'attuale quadro normativo in continua evoluzione», ha spiegato Francesco Gurrieri, vicepresidente dell’Opera e curatore della giornata di studi, che introdurrà i lavori dopo i saluti del presidente dell’Opera, Franco Lucches; del soprintendente della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio delle Province di Firenze, Pistoia e Prato, Andrea Pessina, e del presidente del Collegio degli ingegneri della Toscana, Piero Camici.

Seguiranno gli interventi di Carlo Alberto Garzonio con “La geologia e il sisma”; Gennaro Tampone con “Legno, ferro, muratura: i materiali e il sisma”; Giorgio Croci, “Dal rischio sismico alle misure di prevenzione”; Carlo Blasi, “Miglioramento, adeguamento e responsabilità”; Paolo Spinelli, “Strategie di protezione sismica di opere monumentali”; Stefano Gizzi, “Esperienze post-sismiche”; Gloria Terenzi, “Oltre il miglioramento e l’adeguamento”; Luca Gori, “Riflessioni sulla normativa attuale e criteri”; Antonio Borri, ”Interventi e non interventi: ma di quale conservazione stiamo parlando”.




iconaInserisci un nuovo commento




captcha