Condividi
  • Facebook
  • Twitter
9/3/2018

“Tutta l’Umbria una mostra”, la ricchezza d’arte tra Medioevo e Rinascimento

La Galleria Nazionale di Perugia festeggia un secolo con un'esposizione di un centinaio di dipinti di grandi maestri, da Gentile da Fabriano al Perugino, tra gli eventi di punta di un programma di iniziative che proseguirà per tutto il 2018

Quest'anno si celebrano i cento anni della Galleria Nazionale dell’Umbria, fondata il 17 gennaio 1918, che custodisce una ricca collezione di capolavori di artisti come Beato Angelico, Perugino, Piero della Francesca, Pintoricchio. Per l’occasione sono in programma diverse iniziative dedicate alla promozione e alla valorizzazione dell’arte del territorio dal Medioevo al Rinascimento, con una particolare attenzione alla raccolta della Galleria. Per il centenario, inoltre, sono stati rinnovati il sito internet; l’audioguida, con la possibilità di scaricarla sui propri dispositivi mobili, e i supporti multimediali alla visita.

Il programma di celebrazioni si apre con “Tutta l’Umbria una mostra”, curata da Cristina Galassi e Marco Pierini, in programma dall’11 marzo al 10 giugno. Prendendo spunto dalla storica “Mostra d’arte arte umbra” del 1907, la rassegna racconta motivazioni, finalità, obiettivi di quella che può essere considerata la più importante esposizione mai organizzata in Umbria, che proponeva circa mille pezzi, tra cui centosettanta dipinti, più di trenta sculture e arredi lignei e in pietra, un centinaio di manufatti di oreficeria, trecento oggetti tra paramenti sacri, tessuti e merletti antichi, centosessanta codici miniati e circa duecento ceramiche, che per la prima volta si occupava e definiva le caratteristiche della Scuola umbra e i suoi tratti originali.

La mostra attuale presenta circa cento opere di autori come Gentile da Fabriano, Niccolò di Liberatore, Matteo da Gualdo, Perugino, e ripropone la ricchezza di forme d’arte che fiorirono in Umbria tra Medioevo e Rinascimento. L’iniziativa coinvolge l’intera regione, che si vede chiamata in causa per il patrimonio artistico dei musei comunali, per quello delle istituzioni ecclesiastiche e per quello di proprietà privata.

L’anno delle celebrazioni offre inoltre un’esposizione che, dal 22 settembre 2018 al 6 gennaio 2019, renderà visibile dopo decenni di assenza dal circuito espositivo, una selezione di opere tra quelle ritenute più interessanti, custodite nei depositi della Galleria Nazionale dell’Umbria datate tra la fine del Duecento e la metà del Cinquecento.

Le due mostre d’arte antica saranno intervallate da una rassegna fotografica dedicata alla musica, realizzata in collaborazione con Trasimeno Music Festival e Umbria Jazz. La Sala Podiani ospiterà Guido Harari, uno dei massimi fotografi contemporanei di musica, autore di celebri ritratti e notissime copertine di dischi, di artisti che spaziano dal rock, al jazz, alla musica classica.

Ottaviano Nelli, Madonna con Bambino, Trinità, santi, Cherubini, 1403, tempera su tavola
Ottaviano Nelli, Madonna con Bambino, Trinità, santi, Cherubini, 1403, tempera su tavola


torna all'inizio del contenuto