Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Lazio » "Una retrospettiva", omaggio a Cesare Tacchi
Esplora

Regioni

Lazio Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

27/2/2018

"Una retrospettiva", omaggio a Cesare Tacchi

A Roma, al Palazzo delle Esposizioni, una mostra che ripercorre la ricerca espressiva dell'artista romano dagli anni Sessanta del Novecento alla morte, quattro anni fa

Cesare Tacchi, Renato e poltrona, 1965; collezione privata, Svizzera; foto: Salvatore Piermarini - Archivio Cesare Tacchi
Cesare Tacchi, Renato e poltrona, 1965; collezione privata, Svizzera; foto: Salvatore Piermarini - Archivio Cesare Tacchi

Dal 7 febbraio al 6 maggio il Palazzo delle Esposizioni, a Roma, presenta “Cesare Tacchi. Una retrospettiva”, mostra dedicata all’artista romano scomparso quattro anni fa e curata da Daniela Lancioni e Ilaria Bernardi. L’evento è promosso da Roma Capitale - Assessorato alla Crescita culturale, ed è realizzato dall'Azienda Speciale Palaexpo in collaborazione con l'Archivio Cesare Tacchi.

In esposizione oltre centro opere di Tacchi (Roma, 1940-2014) che ne delineano la ricerca espressiva – elaborata a partire dagli anni Sessanta, nel clima culturale romano che ruotava intorno alla Scuola di Piazza del Popolo – giunta a esiti del tutto personali.

Ritratto dalla critica nel 1959 come «un giovane solitario silenzioso e castigato», Tacchi, sebbene fu tra i protagonisti di alcuni significativi gruppi di artisti, da Giosetta Fioroni a Mario Schifano, non mutò con gli anni il suo temperamento. Fu proprio questo che gli permise di stanare le contraddizioni di alcuni aspetti cruciali della cultura visiva contemporanea e di intraprendere nuove e imbattute strade. La sua personalità artistica è rimasta a lungo ai margini dei circuiti espositivi e defilata rispetto ai suoi contemporanei.

In mostra i lavori più conosciuti ma anche opere giovanili meno note, oltre alle serie per le quali è più celebre, gli smalti su tela e le tappezzerie, queste ultime caratterizzate dall’uso di stoffe e trapunte sulle quali l’artista dipingeva scene di quotidianità.

Completano la rassegna un catalogo con testi delle curatrici e dello stesso Cesare Tacchi e i laboratori didattici per scuole e famiglie “Fare e Disfare”.




Collegamenti

In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha