Condividi
  • Facebook
  • Twitter
29/7/2008

Educare alla pace nel segno della multiculturalità

A Firenze il simposio annuale del Cisv, il movimento internazionale per la promozione sociale. Parola d’ordine “amicizia globale”. L’evento rientra nel programma dell’Anno europeo del dialogo interculturale

«Costruire amicizia globale» è la parola d’ordine del prossimo incontro annuale internazionale del Cisv presso l’Istituto degli Innocenti a Firenze: dieci giorni di lavori tra ospiti internazionali, concerti, workshop e dibattiti per confrontarsi e sviluppare progetti concreti col fine di promuovere la cultura della pace. Il Cisv è un movimento internazionale di promozione sociale, indipendente e apolitico, che promuove l'educazione alla pace e l'amicizia interculturale attraverso una gamma unica al mondo di attività di gruppo e di campi internazionali per giovani e bambini. L’Aim (Annual international meeting) è il simposio internazionale dei rappresentanti di tutti i paesi membri e dei delegati volontari dei vari comitati permanenti del Cisv, che approda nel capoluogo toscano dal 31 luglio al 10 agosto dopo alcune edizioni passate a Bangkok (Thailandia), Sao Josè (Costa Rica), Cincinnati (Stati Uniti), Sidney (Australia), Haifa (Israele).

Lo scopo dell’incontro è quello di incoraggiare il rispetto per le differenze culturali, il dialogo, la cooperazione e lo sviluppo della coscienza di sé, mettendo i partecipanti nelle condizioni di fare propri questi valori mentre diventano cittadini globali e si impegnano per un mondo più pacifico. Dalla sua prima attività, nel 1951, a oggi il Cisv si è esteso in tutti i continenti come movimento volontario e ogni anno organizza attività internazionali di scambio per oltre settemila partecipanti l'anno provenienti da oltre 70 paesi del mondo. In Italia si è sviluppato a partire dagli anni Sessanta, ed è presente ad oggi con le sezioni di Firenze, Roma, Milano, Trento, Gorizia, Cortina, Modena, Reggio Emilia, Bologna, Forlì, Ferrara e Padova.

I partecipanti all'Aim, circa 300 provenienti da tutto il mondo, si confronteranno e svilupperanno attività e progetti concreti per la promozione della cultura della pace tra giovani e adulti e della competenza cross-culturale. Il 10 agosto, a chiusura del convegno, si terrà una tavola rotonda aperta al pubblico che avrà come tema “L'educazione alla pace nella città multiculturale”, e che vedrà la partecipazione della presidente dell'Istituto degli Innocenti, Alessandra Maggi; del presidente della Provincia di Firenze, Matteo Renzi; dell'assessore alla Cooperazione Internazionale della Regione Toscana, Massimo Toschi, e dell'assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Firenze, Daniela Lastri.

Ai lavori sono invitati inoltre numerosi esperti in ambito di educazione e cooperazione interculturale: l'ambasciatore dell'arte e della cultura Rom nel mondo, Alexian Santino Spinelli; rappresentanti dei progetti “Citizens of the World” del Cisv Sweden ed “Ethnic Village” del Cisv Cincinnati (Usa); Claudio Baraldi, del Dipartimento di Scienze del Linguaggio e della Cultura all'Università di Modena e Reggio Emilia. I relatori, insieme ai partecipanti dell'Aim, si confronteranno sulle esperienze concrete di integrazione multiculturale giovanile nelle città moderne, dove la crescente presenza di bambini e ragazzi stranieri pone il tema in una posizione di massima centralità.

«È un onore – ha detto il presidente del Cisv Italia, Jacopo Piccioli – ospitare a Firenze l'Annual international meeting 2008. È un'occasione rilevante sia per la città che per le dodici sezioni italiane del Cisv, che hanno lavorato insieme in questi mesi per l'organizzazione del simposio. Oltre a essere un importante momento di dialogo sui temi ai noi cari della multiculturalità e dell'educazione alla pace – ha sottolineato il presidente – l'Aim è anche una grande opportunità per far conoscere la nostra associazione, la quale opera in Italia ormai da circa 40 anni, sia ai cittadini che alle istituzioni, con l'intento non solo di promuovere le nostre attività, ma anche di contribuire attivamente alla conoscenza e all'integrazione di culture diverse, con progetti specifici da sperimentare nelle nostre città sempre più multiculturali».

L'Aim è patrocinato dall'Istituto degli Innocenti, dal Comune e dalla Provincia di Firenze, dalla Provincia Autonoma di Trento, dalla Regione Toscana, ha l'Alto Patronato del presidente della Repubblica ed è stato istituito dall'Unione Europea quale evento ufficiale dell'Anno europeo del dialogo interculturale 2008.

Un'immagine "simbolo" di un campo Cisv
Un'immagine "simbolo" di un campo Cisv


Naviga in rete

torna all'inizio del contenuto