Condividi
  • Facebook
  • Twitter
21/7/2009

Potenza città di scale: il paesaggio urbano reinterpretato da quattro artisti

Il progetto “Arte in transito” trasforma il centro storico in un museo a cielo aperto

Quattro artisti per un obiettivo comune: portare l’arte contemporanea tra le strade e nelle piazze di Potenza, nel cuore della Valle del Basento, in Basilicata. “Arte in transito”, questo il nome del progetto, vede coinvolti nomi come Daniel Buren, Studio Azzurro, Bianco/Valente e Michele Iodice. Quattro modi di interpretare la realtà circostante, il rapporto con l’ambiente naturale, per altrettanti artisti chiamati a intervenire con le loro installazioni sul paesaggio urbano. Gli artisti sono stati invitati a interpretare secondo la loro prospettiva il concetto di movimento, passaggio, flusso (verso, nella e dalla città), all’interno di un contesto urbanistico inedito come è Potenza, luogo dalla topografia irregolare.



«Potenza – scrivono gli organizzatori della manifestazione – è una città arroccata su un’a ltura a più di 800 metri dal livello del mare. Salite, strade che si inerpicano per condurre ai quartieri più alti, ponti che collegano le alture e i maggiori snodi di traffico; soprattutto, Potenza è una città di scale. Una rete di scale mobili, costruita di recente, collega la parte alta, il centro cittadino, con i quartieri che digradano verso la valle del Basento. Una tradizionale emigrazione della popolazione ha caratterizzato queste terre ed oggi in parte continua, con i giovani che partono per studiare o cercare lavoro in altre città d’Italia. Movimento dunque: transito ininterrotto all’interno della città, flusso di uomini e donne dai paesini alla città, e dalla città verso il Nord Italia, l’Europa e il mondo».



Dunque, percorsi urbani, viaggi reali e virtuali, che arricchiscono le caratteristiche culturali del luogo d’origine nel confronto tra il passato e il presente, il locale e il globale.


Insomma la città, in senso più generale, è esplorata nelle sue infinite contraddizioni, simbolo della contemporaneità. Il progetto colloca proprio sulle scale, molto numerose nel centro di Potenza, le installazioni. Troviamo in piazza XVIII agosto, sulla Scala del Popolo la videoinstallazione di Studio Azzurro. Dinanzi alla facciata di una vecchia biblioteca chiusa al pubblico al centro della città (l’ex Biblioteca Provinciale) è visibile l’intervento di Bianco/Valente, anch’esso sistemato su una scala. Richiama l’attenzione sul ponte-viadotto, il principale accesso alla città, il ponte Musmeci con il doppio arcobaleno di bandiere realizzato da Daniel Buren. Infine Chiama a raccolta in un parco, il labirinto creato da Michele Iodice nel parco Baden Powell.



Le installazioni creano nuovi luoghi di sosta e di passaggio della città. Alla mostra a cielo aperto si accompagnano laboratori, workshop e spettacoli di danza. Il progetto “Arte in transito”, curato dall’Associazione Basilicata 1799, si pone come obiettivo la valorizzazione del territorio e la riqualificazione urbanistica.
Bianco/Valente, Relational
Bianco/Valente, Relational


torna all'inizio del contenuto