Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » “Hic sunt leones”, quando il viaggio era esplorazione
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Evento

4/11/2011

“Hic sunt leones”, quando il viaggio era esplorazione

A Udine una mostra dedicata ai friuliani che tra Ottocento e Novecento si resero protagonisti di avventure e spedizioni scientifiche

Jangalu, Luigi Pio Tessitori nella stamberga del suo alloggio, 6 dicembre 1916 (Archivio Peano, Reana del Rojale)
Jangalu, Luigi Pio Tessitori nella stamberga del suo alloggio, 6 dicembre 1916 (Archivio Peano, Reana del Rojale)

L’esperienza del viaggio come conoscenza e arricchimento sensoriale è al centro della mostra “Hic sunt leones. Esploratori, geografi e viaggiatori tra Ottocento e Novecento. Dal Friuli alla conoscenza dei Paesi extraeuropei”,allestita dall’11 novembre 2011 al 15 aprile 2012 a Udine, nell’ex chiesa di San Francesco.
 
Il percorso espositivo affronta tre tematiche.
 
Nella sezione introduttiva si torna al tempo in cui, tra XIX e XX secolo, viaggiare richiedeva un’organizzazione impegnativa e spesso lunga. La preparazione comprendeva non solo il reperimento dell’equipaggiamento più idoneo ma anche lo studio bibliografico e cartografico. A restituire quelle atmosfere sono, accanto alle proiezioni e alle postazioni multimediali, strumenti, libri, mappe e oggetti di viaggiatori ed esploratori. 



Il nucleo centrale è dedicato all’aspetto della conoscenza. Vengono ripercorse, in ordine cronologico, le più importanti imprese che hanno visto protagonisti i friulani nelle Americhe, in Asia e in Africa. Tra i personaggi si incontrano il Beato Odorico da Pordenone e altri religiosi meno noti che esplorarono e raccontarono la Cina; Pietro Savorgnan di Brazzà, che condusse tre spedizioni in Congo, una insieme al fratello Giacomo e all’amico Attilio Pecile, e che per il suo atteggiamento verso le popolazioni africane viene spesso indicato come esempio positivo nella controversa stagione del colonialismo.
Viene poi approfondita la fase dei viaggi a scopo scientifico organizzati dalle società geografiche; tra i nomi dei geografi, dei geologi, degli etnografi, dei linguisti, dei biologi e dei naturalisti che vi parteciparono emergono quelli di Renato Biasutti, Lodovico di Caporiacco, Giovanni Battista De Gasperi, Ardito Desio, Egidio Feruglio, Giuseppe Gentili, Michele Gortani, Giovanni e Olinto Marinelli, Giuseppe Ricchieri, Luigi Pio Tessitori.  
 
L’ultimo segmento, infine, intitolato “Verso un nuovo mondo”, è incentrato sull’incontro con “l’altro”, attraverso i numerosi e diversi elementi – arte, letteratura, musica, cinema, cucina – che costituiscono una cultura e intende offrire uno spunto di riflessione sugli scambi attuali, in un sistema in trasformazione sotto la spinta della globalizzazione.



Collegamenti

Multimedia correlati

iconaInserisci un nuovo commento




captcha