Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Spettacolo » "Per filo e per segno", il mondo incantato delle marionette Accettella
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare




Petition by iPetitions
 

Evento

17/12/2011

"Per filo e per segno", il mondo incantato delle marionette Accettella

A Roma, alla Casa dei Teatri, un'esposizione dedicata alla storica compagnia familiare, attiva da più di sessant'anni. In mostra, accanto a splendidi esemplari, oggetti di scena, locandine e fotografie

Gatto e topi
Gatto e topi

Pinocchio, Geppetto, il Grillo parlante e Mangiafuoco, i pappagalli Cacatua e Cenerino, Chiribio, la Rana, la Gru, Sheherazade e Re Shahriyar, il Genio della Lampada e l’Uccello Sole: ecco i protagonisti della mostra che sarà ospitata dal 17 dicembre al 22 gennaio 2012 presso la Casa dei Teatri di Villa Pamphilj a Roma. Un mondo incantato, dedicato a fiabe e racconti, prenderà così vita nello scenario della rassegna intitolata “Per filo e per segno”, che ripercorrerà oltre sessanta anni di attività del Teatro delle Marionette degli Accettella, fondato a Roma tra il 1945 e il 1947. L’esposizione presenterà al pubblico dei piccoli capolavori, quali le marionette realizzate da artisti prestigiosi come Ferdinando Codognotto, che sono state esposte al pubblico alla Quadriennale di Praga, al Palazzo delle Esposizioni di Roma, alla Biennale di Venezia, al Palazzo della Penna di Perugia, al Museo delle Arti e delle Tradizioni Popolari di Roma e a San Pietroburgo.



Curata dal Teatro delle Marionette degli Accettella, la rassegna ricostruisce le vicende artistiche e creative della compagnia, sin dagli esordi, fino al periodo compreso tra il 1963 e i successivi venti anni presso il Teatro del Pantheon di via Beato Angelico, sotto la direzione di Icaro, Bruno ed Anna Accettella. Nel 1985, vediamo la compagnia presentare ogni anno una stagione teatrale per ragazzi al Teatro Mongiovino di via Giovanni Genocchi e proporre laboratori specifici per ragazzi, educatori, insegnanti, operatori culturali. Ancora, il 1999 è l’a nno in cui ottiene un importante riconoscimento da parte dl Ministero per i Beni e le Attività Culturali come “Teatro stabile d’innovazione per l’infanzia e la gioventù”, sotto la direzione di Icaro e Giulio Accettella; iniziano, in questa fase, i progetti con ospitalità di xompagnie e iniziative di interesse in collaborazione con Roma Capitale, la Regione Lazio, la Soprintendenza Archeologica di Roma, l'Ente Teatrale Italiano e il Teatro di Roma. Difatti, nel corso degli anni, la compagnia marionettistica si è distinta per la partecipazione a diversi festival nazionali e internazionali, con spettacoli al Regio di Parma, all'Argentina di Roma, al Goldoni di Venezia, al Caio Melisso di Spoleto, nonché tournée in Russia, in Germania, in Portogallo, in Pakistan, negli Stati Uniti, in Olanda e in Grecia.



L’itinerario espositivo si snoda tra oggetti, scenografie, locandine, manifesti, fotografie o le bellissime marionette che figurano nei “quadri marionettistici” di grande suggestione visiva e fascino, tanto per gli adulti che per i bambini. Accanto a questi, saranno visibili tre spettacoli che ben rappresentano la creatività degli Accettella, Storie di draghi, L’Ochina e la Volpe e Un mondo di marionette: in particolare, quest’ultimo sarà messo in scena in occasione della presentazione della mostra, sabato 17 dicembre, di e con Alessandro Accettella, Valentina Bazzucchi e Matteo Rigola (dalle 11.30 ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria allo 060608).



La mostra è promossa dall’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro storico di Roma Capitale, dalle Biblioteche di Roma e dal Teatro di Roma, in collaborazione con Zètema Progetto Cultura.




iconaInserisci un nuovo commento




captcha