Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Musica » Addio a Lucio Dalla, dal jazz alla lirica una vita per la musica
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare




Petition by iPetitions
 

Focus

1/3/2012

Addio a Lucio Dalla, dal jazz alla lirica una vita per la musica

Il cantautore bolognese è morto improvvisamente in Svizzera. In oltre quarant'anni di carriera ha attraversato varie fasi, esplorando i generi e riscoprendo la melodia italiana. Al suo attivo importanti collaborazioni con altri musicisti e colonne sonore per il cinema

Lucio Dalla
Lucio Dalla

Colpito da un infarto è morto a Montreux il cantautore Lucio Dalla; si trovava in Svizzera dove aveva in programma una serie di concerti per il suo tour. Il 4 marzo avrebbe compiuto 69 anni; la sua ultima apparizione è di pochi giorni fa, sul palco del Festival di Sanremo.
 
Lucio Dalla  nasce a Bologna il 4 marzo 1943 e debutta nel mondo della canzone italiana grazie al grande Gino Paoli che lo indirizza verso il soul italiano; nel 1970 ottiene il primo successo come compositore: Gianni Morandi, con cui stringerà un lungo sodalizio artistico e affettivo, incide la sua Occhi di ragazza e la porta in vetta alle classifiche di vendita.
 
Nel 1971  porta a Sanremo uno dei suoi più grandi successi, 4/3/1943,  a cui seguono altri brani storici, primo fra tutti Piazza Grande. Con  la bellissima Come è profondo il mare si apre la grande stagione del cantautore bolognese che prosegue con Lucio Dalla (1978), Banana Republic, la tournée-evento (e relativo disco dal vivo) del 1979 con Francesco De Gregori, Dalla (1980),  Lucio Dalla Q-disc (1981), 1983 (1983), Viaggi organizzati (1984), Bugie (1986) e Dallamericaruso (1986), doppio dal vivo e con Caruso , da molti considerata il suo capolavoro, interpretata poi anche dal grande Pavarotti. Nel 1988 parte il progetto Dalla-Morandi con disco e tournée di altrettanto successo.
 
Artista poliedrico ed eclettico,  Dalla ha composto anche  musiche per film diretti da  Monicelli, Antonioni, Giannarelli, Verdone, Campiotti, Placido e altri. Ha curato inoltre per anni una galleria d’arte contemporanea a Bologna, la “No Code”, sede di eventi e happening extra-musicali.
 
La sua creatività non si ferma qui: il 2003 è  l’anno di Tosca. Amore disperato, l'opera che Dalla scrive ispirandosi alla Tosca di Puccini e che ha superato i 350 mila spettatori ; in Lucio, album del 2003 duetta con Mina; nel 2008 debutta al Teatro Duse Di Bologna la Beggar's Opera di John Gay diretta da Lucio Dalla con Peppe Servillo e successivamente a Firenze in scena con Dalla o Cellini?, un evento speciale sulla figura del grande artista fiorentino.
 
La primavera del 2010 vede la notizia esplosiva del ritorno sul palco con Francesco De Gregori a più di trent'anni da Banana Republic e infine il  2011 è stato l’anno di Questo è amore, suo nuovo progetto discografico mirato alla riscoperta di suoi brani “meno noti” al grande pubblico.
 
Parole di dolore e cordoglio vengono affidate alla rete dal mondo della musica, dai suoi colleghi e amici, voci dalla sua amata  Bologna, ma non solo, anche dal mondo della politica e dalla sua squadra del cuore, il Bologna calcio; si spegne oggi uno dei protagonisti indiscussi della musica italiana degli ultimi quaranta anni.



Collegamenti

Articoli correlati Metadati correlati In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha