Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Il Salone di Torino resiste alla crisi, aumentano i visitatori
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Focus

15/5/2012

Il Salone di Torino resiste alla crisi, aumentano i visitatori

Nonostante la difficile congiuntura, la venticinquesima edizione ha registrato un incremento dei biglietti del 4,1 per cento; oltre 317 mile persone al Lingotto; buone le vendite di libri negli stand

Salone del Libro di Torino 2012, esterno
Salone del Libro di Torino 2012, esterno

Il Salone Internazionale del Libro di Torino, che si è chiuso ieri, non è stato il Salone della crisi. Rispetto all’anno scorso si è registrato un aumento dei biglietti del 4,1 per cento, del 149,68 per cento per gli ingressi delle scuole; i visitatori sono stati circa 317 mila.

Buoni i risultati di vendita
: sia Mondadori che Einaudi hanno registrato un +12 per cento rispetto al 2011; +15 per cento per Newton Compton Editori; +10 per Feltrinelli, Rcs e Iperborea; + 50 per Minimum Fax;  +35 per Fandango; +20 per Emons Audiolibri. Dati in linea con l'anno scorso per Sellerio, Voland Edizioni, Edt, Graphot, Logos. In flessione Edizioni Nottetempo e Pendragon.

I piccoli editori, da sempre una delle ricchezze del Salone, soffrono di più la congiuntura economica. Per loro è allo studio per il 2013 una nuova formula con un’area omogenea che riduca il più possibile la dispersione; il Salone, inoltre, sollecita il coinvolgimento diretto delle Regioni nel promuovere, organizzare e coordinare la partecipazione della propria piccola editoria.

L'edizione era dedicata alla “Primavera digitale” e negli stand Amazon e Sony sono stati venduti centinaia di reader per e-book. Radio 24, trasmettendo dal Salone, ha lanciato una contesa tra libro elettronico e libro di carta, nella quale il secondo ha battuto il primo col 48 per cento dei consensi contro il 15; il 37 per cento dei lettori, però, si è dichiarato a favore di entrambi.

Circa 70 mila persone hanno partecipato ai 1.162 appuntamenti del Lingotto Fiere (escludendo i 150 eventi del Salone Off distribuiti in città e quelli di Voltapagina). Particolarmente affollati gli incontri nell’Auditorium (capienza 1.900 posti): sala piena per “Da Mani Pulite a Mani Impunite” con Marco Travaglio, Peter Gomez e Gianni Barbacetto; per Fabio Volo; per Luciano Ligabue; per il ricordo a vent'anni dalla morte di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino con Salvatore Borsellino, Gian Carlo Caselli, Maria Falcone, Antonio Ingroia e Francesco Viviano; per Roberto Saviano e Fabio Fazio che hanno presentato la nuova trasmissione Quello che (non) ho; per Alessandro Baricco e per Massimo Gramellini.
Sono stati quasi 9.200 i bambini e i ragazzi che hanno partecipato ai 220 laboratori del Bookstock Village.

La Spagna, uno dei due paesi ospiti, è stata tra i grandi protagonisti, grazie alla nutrita rappresentanza di scrittori e intellettuali; gli incontri più seguiti sono stati quelli con il filosofo Fernando Savater e con gli autori Javier Cercas e Julio Llamazares. La Romania, l’altro paese ospite, è stata una scoperta, con 9.000 persone in visita al padiglione nazionale, 120 personalità ospiti e oltre mille titoli venduti. Gli eventi più seguiti sono stati lo spettacolo teatrale Sul lavaggio dei cervelli con Matei Visniec e le quattro serate con i poeti Ileana Malancioiou, Mircea Dinescu, Ana Blandiana e Ion Muresau.
Il paese ospite candidato per l’anno prossimo è il Cile e sono stati avviati contatti diplomatici con la Guinea e la Colombia.

Ha riscosso apprezzamento la mostra “La città visibile. Torino, 1988-2012”, dedicata ai 25 anni della manifestazione, che sono stati anche anni di profondo cambiamento per il capoluogo piemontese: iI visitatori si sono immedesimati ed emoziati di fronte ai 25 oggetti-simbolo, dalla torcia olimpica al testo della sentenza Thyssen, scelti per raccontare il periodo trascorso.

Riguardo all’impatto sul turismo a Torino, Federalberghi ha registrato, nei giorni del Salone, un'occupazione delle stanze pari all'88 per cento. A proposito di valorizzazione del territorio, in occasione di questa edizione del Salone è stata firmata l'intesa tra i 28 enti promotori del Parco Culturale Piemonte Paesaggio Umano, il progetto culturale che unisce enti, istituzioni e associazioni di Langhe, Roero e Monferrato, promosso dalla Regione con il coordinamento della Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura.




iconaInserisci un nuovo commento




captcha