Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Speciali » Cento anni fa la Grande Guerra » La Grande Guerra in una lezione-spettacolo
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Focus

30/1/2014

La Grande Guerra in una lezione-spettacolo

Il primo conflitto mondiale in una narrazione dal vivo per 12 mila studenti di un centinaio di istituti  superiori del Veneto  

La locandina 
La locandina 

La Prima Guerra Mondiale raccontata nelle scuole in una lezione-spettacolo. L’iniziativa, rivolta agli studenti degli istituti superiori, è della Regione Veneto, in collaborazione con Arteven Circuito Teatrale Regionale e rientra nel programma di celebrazioni del centenario del conflitto.
 
La Grande Guerra (1914-1918) è il titolo del progetto, che prende il via il 4 febbraio ad Asiago, luogo interessato dalle operazioni belliche, come gran parte del territorio veneto, che infatti conserva tracce visibili di quell’epoca, dalle trincee ai forti. Il programma proseguirà fino al 15 maggio toccando un centinaio di scuole secondarie di secondo grado in tutte le province, dalle Dolomiti al Piave alla laguna (a Vicenza, Cavarzere, Padova, Montagnana, Vittorio Veneto, Conegliano, Castelfranco Veneto, Monselice, Chioggia, Verona, Cortina d'Ampezzo, San Donà di Piave, Montecchio Maggiore, Sant'Apollinare, Venezia, Belluno, Mirano, Villafranca di Verona, Piove di Sacco, Badia Polesine, Legnago, Adria, Porto Viro, Cittadella, Este, Rovigo e Castelmassa). Sono in calendario almeno 150 lezioni per circa 12 mila ragazzi accompagnati dai loro insegnanti.
 
Condotta da Andrea Pennacchi, la lezione-spettacolo, si presta a essere rappresentata all’interno di aule magne o piccoli auditorium per un pubblico massimo di ottanta alunni e a essere associata ad altri appuntamenti di approfondimento e memoria. L’obiettivo è coinvolgere i più giovani, che stanno studiando gli eventi del periodo sui libri di testo, nella narrazione dal vivo di un racconto collettivo, soprattutto tenendo conto del fatto che le classi nate negli anni Sessanta, inizio Settanta, sono le ultime ad aver avuto nonni combattenti e ad aver ricevuto testimonianze dirette su quella terribile esperienza.  



Collegamenti

Articoli correlati In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha